Fake human o persone in carne ed ossa? I giovani non hanno dubbi su chi seguire

0
632
Fake human o persone in carne ed ossa? I giovani non hanno dubbi su chi seguire

ll digital detox è già passato di moda e gli anni della pandemia ci hanno legati (o intrappolati) alla rete. Gli algoritmi del successo sono sempre più guidati dalle preferenze degli utenti, che nel bene o nel male, generano escalation di contenuti e visualizzazioni.

Tra i new born il sogno nel cassetto è diventare influencer o TikToker, portandoli ad un una fuga dal reale nel metaverso creandosi spesso un avatar stabile nel web.

Le aziende sull’onda della difficoltà nelle relazioni H2H puntano a un impiego massiccio delle AI, economicamente più vantaggiose, abili nell’imparare, coerenti nella comunicazione e molto vicine alle aspettative delle nuove generazioni. Inoltre l’estrema targettizzazione richiesta dalla Long Tail degli utenti ha incoraggiato gli investimenti in virtual influencer. Queste intelligenze artificiali riescono a catturare il pubblico, farsi seguire e promuovere attività, prodotti e servizi proprio come farebbe un loro omonimo in carne ed ossa. Muovono un mercato di oltre 15 miliardi di dollari e difficilmente la Z generation riesce a distinguere i loro profili da quelli di una persona reale. Tutti questi personaggi hanno grandi storie, vicine o affascinanti per il loro target: lo storytelling la fa da padrone.

Tra i giovanissimi spicca il nome di Knox Frost, AI dall’aspetto di un ventenne che ha collaborato con l’OMS durante la pandemia e in quel periodo aveva raggiunto il milione di follower.

Scopri il nuovo numero: “Il Futuro è aperto 2023”

Il futuro è aperto per chi sa vivere il presente e per chi decide chi essere non nei prossimi 5 anni, ma nei prossimi 5 minuti.

Non da meno la giapponese Imma, robot attiva già da diversi anni con 404 mila follower, che vive virtualmente a Tokio, e con genitori virtuali che immortala nei suoi post. Si affidano a lei brand del settore food, abbigliamento e locali.

L’italiana Nefele, ideata da 3 ragazzi e non ancora completamente autonoma nell’intermediazione, ha poco meno di 3.500 follower, ma è stata la prima virtual influencer a parlare ad un TedX. I suoi topics sono principalmente legati all’inclusione, alle donne imperfette e alle situazioni lavorative. Anche lei non disdegna la promozione di marche di sport e abbigliamento.

2,9 milioni di follower per la 19enne robot Lil Miquela che ama viaggiare, partecipare ad eventi mondani e stare con gli amici.

La brasiliana Lu Do Magalu ha 6,2 milioni di follower e offre consigli dalla moda alle faccende domestiche con la sua rivista Magazineluiza.

Non poteva mancare una modella, Shudu e una influencer di moda attiva dal 2012 come Ruby Gloom con 80 mila follower legata stabilmente a brand del calibro di Adidas, Collabs, Vogue.

Dinnanzi a tutto questo interesse per dei fake human, quali prospettive ci saranno nelle relazioni del futuro? Mi chiedo, tra 20 anni, con chi usciranno di casa i ragazzi per bere un caffè?

Ai posteri (letteralmente!) l’ardua sentenza.

Ti è piaciuto? Cosa ne pensi? Faccelo sapere nei commenti. Rispondiamo sempre.

SmakNews_Smart_Marketing_logo_SResta aggiornato sulle nostre pubblicazioni e sulle ultime novità dal mondo del marketing e della comunicazione.

Hai letto fino qui? Allora questi contenuti devono essere davvero interessanti!

Iscriviti per restare in contatto con Smart Marketing. Senza perderti nulla!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.