Facebook per i Boomer, Instagram per i Millennials, TikTok per la Gen Z: la geografia dei social network

Addio Tinder&Co, benvenuti Instagram e TikTok: perché la Gen Z preferisce questi social anche per gli incontri

0
210
Facebook per i Boomer, Instagram per i Millennials, TikTok per la Gen Z: la geografia dei social network. Addio Tinder&Co, benvenuti Instagram e TikTok: perché la Gen Z preferisce i questi social anche per gli incontri

Dimmi che social abiti e ti dirò chi sei.

Esistono varie analisi che in sostanza evidenziano che ogni social ha una specifica audience di riferimento. Senza voler entrare nel dettaglio, sappiamo che mediamente il pubblico più adulto si trova su Facebook (il social più bistrattato e che comunque, anche se in molti ne decretano la “morte” un giorno sì e l’altro pure, è ancora fermamente tra i più usati), che i millennials preferiscono Instagram e che giovani transitano di più su TikTok.

Insomma, semplificando al massimo, i giovani sono passati di piattaforma in piattaforma social, da Facebook a TikTok, cercando luoghi in cui trovarsi tra di loro (senza la convivenza di genitori e dintorni), in una sequenza piuttosto lineare.

Tra le tante, un’analisi che mi ha incuriosito molto è quella di Statista condotta negli Usa l’anno scorso (come riporta un recente articolo de Il Corriere della Sera), relativa alle app di dating, che in qualche misura segna un punto: passata la sbornia iniziale (Tinder è del 2012), che ha visto i millennials grandi protagonisti e che oggi proprio attraverso quelle app hanno magari intrecciato una relazione, ora le app di dating faticano a trovare nuovi utilizzatori e a diventare, di fatto, il luogo di incontro dei più giovani. 

In pratica, la generazione Z, pur non dovendo condividere quello spazio con gli “adulti”, preferisce social come Instagram e TikTok anche per incontrare nuove persone. 

A che dobbiamo questa inversione di tendenza?

L’essere valutati e rifiutati è sicuramente una delle motivazioni, unita alla volontà di non sentirsi categorizzati per genere. Per questo la tendenza è quella di abitare luoghi non così verticali in cui, oltre a poter fare dell’altro, ci sia anche la possibilità di incrociare l’interesse di un’altra persona, allentando così un po’ la tensione. 

Tensione che li porta in ogni caso a voler essere mediati da uno schermo, piuttosto che “correre il rischio” di incontrarsi dal vivo. Forse, aggiungerei, prendendo un po’ troppo alla lettera quanto diceva Paulo Coelho a tal riguardo: “Gli incontri più importanti sono già combinati dalle anime prima ancora che i corpi si vedano”.

Ti è piaciuto? Hai qualche riflessione da condividere?
Scrivimi nei commenti. Rispondo sempre.
Rimaniamo in contatto su LinkedInwww.linkedin.com/in/ivanzorico

Hai letto fino qui? Allora questi contenuti devono essere davvero interessanti!

Iscriviti per restare in contatto con Smart Marketing. Senza perderti nulla!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.