Odio Social(e) – L’editoriale di Ivan Zorico

0
141
L'Odio Social(e) - L'editoriale di Ivan Zorico

Nessuno ne è immune. Ne siamo sempre più testimoni. E possiamo esserne potenzialmente tutti vittima. Cos’è?

La risposta a questo indovinello è “l’odio social(e)”.

Fateci caso, andate a farvi un giro sotto una qualsiasi notizia pubblicata sui social da un profilo del Corriere della Sera, de La Repubblica o di tanti altri, e noterete che la maggior parte dei commenti hanno – come si definisce in gergo – un sentiment negativo.

Tecnicismi a parte, è davvero troppo facile trovare nei commenti un certo grado di violenza, opinioni sprezzanti e sentenze passate in giudicato dal tribunale dei social. Tutto può essere scritto, sembra non ci siano limiti. 

Per sgomberare il campo da ogni dubbio non mi riferisco, ovviamente, alle critiche – anche dure – sacrosante. Ma a quei commenti che hanno il solo obiettivo di denigrare, offendere, affossare. 

Il tutto avviene con una naturalezza disarmante, complice uno schermo che da un lato ci avvicina a milioni di persone e, dall’altro, ci allontana empaticamente dalle stesse. Ci sentiamo in diritto di poter dire qualsiasi cosa senza valutarne la portata e le conseguenze. Giudizi che mai avremmo il coraggio di pronunciare nei confronti di un’altra persona al bar e nella vita di tutti i giorni, ma che sui social ci permettiamo di dare senza pensarci troppo. Anzi, magari pensando proprio che sia un’azione legittima.

Scopri il nuovo numero: “Odio Social(e)”

E’ davvero troppo facile trovare nei commenti un certo grado di violenza, opinioni sprezzanti e sentenze passate in giudicato dal tribunale dei social. Tutto può essere scritto, sembra non ci siano limiti.
Ma di chi è la responsabilità?

Interessante notare, che è proprio l’assenza di consapevolezza di quel che si fa ad essere per certi versi il punto della questione. Perché non è raro imbattersi anche in giravolte clamorose. Se infatti, rispondiamo ad un messaggio negativo, rivolgendoci rispettosamente alla persona che l’ha scritto, riconoscendola appunto come tale e non come semplice utente di una piattaforma e sganciando il merito dal metodo, capita di sovente di assistere a delle retromarce e magari a delle scuse e a dei ripensamenti.

Riconoscimento dell’altro e consapevolezza. Due aspetti imprescindibili che abbiamo un po’ perso e di cui si sente la mancanza.

Attenzione, all’equivoco dietro l’angolo. Non sono i social media ad essere “brutti e cattivi”, siamo noi che lo siamo diventati o, peggio, lo siamo sempre stati. Perché se è vero che le dinamiche social tendono alla polarizzazione e seguono i nostri interessi per farci restare il maggior tempo possibile sulla piattaforma, siamo sempre noi che possiamo scegliere come utilizzarli e con che grado di consapevolezza.

Possiamo, per esempio, spingerci addirittura a pensare che si possono avere idee diverse e non per questo doverle per forza denigrare. Possiamo anche essere d’accordo che se una persona posta una sua fotografia non siamo legittimati a scrivere di tutto e a giudicarla. E possiamo persino aprirci all’altro, al confronto, alla condivisione, sino ad arrivare all’incontro. 

Messa in questi termini, i social media diventano un luogo molto più vivibile. E ci accorgiamo che un altro modo – o mondo – è possibile quando ci troviamo a navigare su profili che parlano di letteratura, filosofia, ma anche di intelligenza artificiale o marketing. Quale che sia l’argomento di discussione sono sempre le persone che lo trattano e quelle che lo seguono a fare le differenza. Bravi i primi a creare una community positiva, bravi i secondi a mantenere un ambiente sano.

Stesso mezzo – i social media -, risultati diversi.

E allora credere che la responsabilità dell’odio social(e), a cui purtroppo ci siamo anche abituati, sia dei social media diventa solo un bell’alibi che ci deresponsabilizza. Ma niente di più. 

Come dicevo, i problemi risiedono altrove ed hanno altri nomi. Tutto parte da noi. Facciamo la nostra parte.

Buona lettura,

Ivan Zorico

Ti è piaciuto? Hai qualche riflessione da condividere?
Scrivimi nei commenti. Rispondo sempre.
Rimaniamo in contatto su LinkedIn: www.linkedin.com/in/ivanzorico

Hai letto fino qui? Allora questi contenuti devono essere davvero interessanti!

Iscriviti per restare in contatto con Smart Marketing. Senza perderti nulla!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.