“Con Barbie puoi essere tutto ciò che desideri”: il primo podcast di Barbie per non spegnere i sogni delle bambine.

0
724

Quante di noi hanno giocato almeno una volta con la Barbie, la celeberrima bambola della Mattel?

Quante hanno desiderato di assomigliare fisicamente e quante avrebbero voluto il suo stile e la sua bellezza?

Corpo statuario, capelli biondi, nessuna imperfezione fisica, sempre ben vestita e truccata, Barbie rappresenta icona di stile ed eleganza, una versione, forse, un po’ troppo maschilista della donna che la rappresenta (ci rappresenta) fisicamente troppo perfetta.

Da sempre, il termine “Barbie” riferito a qualcuno è stato sinonimo di bellezza artefatta, non naturale, in netta contraddizione con la filosofia della Mattel, che fin dall’inizio l’ha rappresentata con una donna al passo con i suoi tempi.

Dal 1959, data della sua prima apparizione sugli scaffali, Barbie, e con lei tutto ciò che intrinsecamente ed estrinsecamente rappresenta, ha cavalcato le epoche, passando da simbolo maschilista a paladina dei diritti delle donne, trasformando, di fatto, un difetto (la troppa perfezione) in un punto di forza al suon del claim, lanciato nel  2016,  “Con Barbie puoi essere tutto ciò che desideri“, come a dire che non esiste solamente una versione della bambola e di noi stesse, ma infinite versioni, tante quante quelle create dalla fantasia delle bambine che ci giocano.

Non solo, il brand Barbie ha saputo sfruttare meglio di altri prodotti simili lo storytelling e la multicanalità, costruendo attorno a sé una narrazione credibile di personaggi che fanno parte della sua vita: amiche, sorelle, cugine e persino un fidanzato perfetto ed avvenente, l’iconico Ken.

Scopri il nuovo numero: “Fenomeno Barbie”

Tutto si è colorato letteralmente di rosa, il film Barbie è ormai un fenomeno. Un esempio di come un ottimo prodotto, affiancato da un ottimo marketing, può fare la differenza.

Parte di questa strategia di comunicazione e del messaggio positivo che la Mattel, tramite il suo prodotto di punta, vuole comunicare è il podcast lanciato in Italia meno di anno fa, dal ridondante titolo “Con Barbie puoi essere tutto ciò che desideri”, in cui Barbie (per gli amici Malibù), aiutata dall’amica Brooklyn e dalla sua sorellina Chelsea, racconta la storia di sette donne straordinarie che hanno saputo distinguersi in vari campi, dallo sport alla moda, dalla cucina alla scienza.

Il podcast, nato dalla collaborazione tra Mattel e Podcastory (start up milanese specializzata in branded content audio), racconta con le voci originali italiane dei personaggi Mattel storie di role model italiane, donne coraggiose ed intraprendenti che hanno saputo perseverare per realizzare i propri sogni; tra loro troviamo la campionessa di scherma Bebe Vio e il capitano della nazionale italiana femminile di calcio Sara Gama, l’astronauta Samantha Cristoforetti, la stilista Alberta Ferretti, la creatrice di GialloZafferano Sonia Peronaci e l’estetista cinica Cristina Fogazzi.

L’ultimo episodio del podcast è invece dedicato a Barbara Millicent Roberts (meglio conosciuta come Barbie), la fashion doll più famosa e venduta al mondo, che tramite la sua influenza vuole sensibilizzare su temi come il Dream Gap, quel fenomeno per il quale le bambine, già a partire dall’età di cinque anni, iniziano a dubitare delle proprie capacità, sentendosi meno valide rispetto ai coetanei maschi e finendo per perdere fiducia in sé stesse e nelle proprie competenze, smettendo di credere di poter intraprendere determinate professioni.

Il podcast, infatti, è pensato per bambini e bambine, notoriamente principali fruitori e utilizzatori della Barbie, ma dovrebbe essere ascoltato anche da un pubblico più adulto, principale responsabile del Gender Dream Gap, che può anch’esso trarre ispirazione da queste storie e sensibilizzarsi su questo tema indispensabile a favorire lo sviluppo fattivo di una società più equa anche in paesi, come l’Italia, dove l’eguaglianza è sancita per legge (pensiamo all’art. 3 della Costituzione) ma non si applica di fatto.

Sfruttando l’enorme successo che il film “Barbie” sta riscuotendo in questi giorni nelle sale cinematografiche, vi invitiamo a recuperare il podcast “Con Barbie puoi essere tutto ciò che desideri” e magari commentarlo insieme a studenti, figli o nipoti, ricordandovi che i bambini di oggi saranno, ben presto. le donne e gli uomini di domani e che è compito di noi adulti guidarli nel loro sviluppo personale.

Hai letto fino qui? Allora questi contenuti devono essere davvero interessanti!

Iscriviti per restare in contatto con Smart Marketing. Senza perderti nulla!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.