Mettere l’acquirente nelle condizioni ideali per comprare ed invogliare a farlo utilizzando sistemi psicologici più o meno sottili attraverso strategie disegnate a tavolino. E’ il mix necessario tra marketing tradizionale e digitale, con soluzioni che toccano le giuste leve e vendono emozioni e sensazioni e che mettono in moto evocazioni uniche; legate a quel particolare brand e stuzzicandone il desiderio.

E’ un po’ ciò che accade quando si è davanti ad uno scaffale per acquistare un prodotto, ogni qualvolta si fa una scelta spinti da una preferenza senza rendersi conto se davvero si tratta di una nostra scelta e quanto è, invece, indotta dai vari messaggi di pubblicità che ci spingono all’acquisto.

E’ l’efficacia della comunicazione e di quanto questa entri nelle nostre teste a gamba tesa tanto da farci ricordare un claim, uno slogan o banalmente un’emozione di uno spot.

In realtà tutto è pubblicità, in ogni settore merceologico dove il fine ultimo è la vendita/acquisto di un prodotto!

Ci sono settori dove il gioco forte lo fanno le emozioni, altri un po’ meno, ma lì dove la storia può essere raccontata a tal punto da permettere al cliente di diventare in qualche modo protagonista, è sicuramente vincente.
Il calcio è uno di questi! E con l’avvento del digitale e dei social questa capacità di rendere i tifosi protagonisti è un asso nella manica che entusiasma e fa leva sempre di più e in maniera efficace, muovendone il Business.

I social network, infatti, non sono più solo veicoli per l’immagine della squadra o dei giocatori, ma anche vere e proprie soluzioni di ingaggio e di promozione: ne sono un esempio le campagne abbonamenti, il merchandising, gli sponsor, i calciatori che in qualità di influencer cura la propria immagine in rete.
Allo stesso tempo anche il calciomercato è diventato un fenomeno sociale nella rete, dove Facebook, Instagram, Twitter sono canali di comunicazione dove il tifoso segue, interagisce, commenta, evidenzia, esprime la propria opinione, fornisce il proprio consenso ed esplicita i propri dubbi e perplessità riguardo alle mosse che un club svolge durante tale periodo dell’anno, banalmente si sfoga!

Tutti hanno la possibilità di vivere le fasi di una negoziazione in prima persona e quasi in tempo reale e diventa, perciò, fondamentale per un club riuscire a gestire le informazioni e a veicolarle in maniera strategica sulle piattaforme digitali.

E’ quanto in questi giorni abbiamo vissuto in diretta, in un channel mix di media, sull’acquisto da parte della Juve di Cristiano Ronaldo, amato e criticato, divenuto un vero e proprio evento mediatico che ha scatenato l’opinione pubblica degli esperti di calcio ma anche degli operai della FIAT, a voler sottolineare come oggi, il confine tra reale e virtuale è talmente labile che se non governato a dovere e con i giusti mezzi può diventare incontrollabile e rischioso, ma allo stesso tempo una fonte di guadagno e di Business che non ha eguali.

image_pdfimage_print

LEAVE A REPLY

Login with:
Powered by Sociable!