5 storie vere per ispirarci al cambiamento

0
174

Il nuovo anno si avvicina e con lui anche i buoni propositi, cosa c’è di meglio allora che avere come fonte d’ispirazione il cinema? Vi proponiamo per l’occasione 5 film basati su personaggi realmente esistiti, che hanno deciso di cambiare la propria vita.

Sono persone comuni che hanno creduto in un sogno e hanno deciso di non lasciare tutto come prima, rassegnandosi al proprio destino, ma hanno accolto la sfida di cambiare le cose, la vita, il mondo circostante.

Conosciamoli meglio attraverso questi film:

 1) THE SOCIAL NETWORK: 2010, Regia di David Fincher

Primo fra tutti è sicuramente “The Social Network”, il film che racconta l’ascesa del giovane cofondatore di Facebook, Mark Zuckerberg. Il film si è aggiudicato 3 Oscar, per la sceneggiatura non originale, per la colonna sonora e per il miglior montaggio e rappresenta uno dei miglior film biografici degli ultimi anni. Facebook (con questo nome dal 2004) nacque nel 2003 come sito per gli studenti di Harvard con il nome Facemash, ispirandosi all’elenco con nomi e foto che gli studenti ricevono ad inizio anno, ideato per aiutarli a socializzare.

Scopri il nuovo numero > Simply the best

Con il susseguirsi delle modifiche lo scopo di Facebook è rimasto più o meno simile, arrivando ad essere il terzo sito più visitato dopo Google e Youtube. L’attore protagonista, il bravissimo Jesse Eisenberg, interpreta magistralmente il giovane imprenditore informatico, che ormai è il quinto uomo più ricco al mondo e il film, infatti, segue la sua storia partendo dall’idea che scatena la nascita del social network fino alla causa contro Zuckerberg da 600 milioni di dollari.

2) JOBS: 2013, Regia di Joshua Michael Stern

Su Steve Jobs, l’imprenditore, inventore, informatico e confondatore di Apple, sono stati girati due film molto diversi: “Jobs” del 2013 con la regia di Joshua Michael Stern, che vede protagonista l’attore Ashton Kutcher e “Steve Jobs”, del 2015, diretto da Danny Boyle, che ha come attore protagonista Michael Fassbender. Entrambe le pellicole sono molto ben realizzate, ma forse il primo risulta più leggero: “Jobs” narra la storia del visionario informatico partendo dagli anni settanta, anni in cui viene fondata l’azienda Apple a Cupertino, in California con pochi mezzi e tanta voglia di cambiare il corso degli eventi. Il film mostra anche tutto il percorso, umano e professionale di questa figura iconica del mondo dell’informatica e della tecnologia, che con i suoi prodotti e le sue innovazioni ha creato nel mondo un vero e proprio status symbol.

3) THE IMITATION GAME: 2014,  Regia di Morten Tyldum

“The Imitation game”, film del 2014, narra la storia del matematico Alan Turing, nato nel 1912. Turing fu assunto per decifrare messaggi nazisti codificati dalla famosa Macchina Enigma, in quanto esperto a decifrare codici segreti. La sua figura è ancora oggi molto importante nella storia, perché grazie a lui si riuscirono a salvare numerose vite umane durante la guerra. Il matematico è considerato uno dei padri dell’informatica per il suo concetto di algoritmo e per la Macchina di Turing, una macchina ideale che può eseguire algoritmi con dati su un nastro potenzialmente infinito. Il film molto avvincente è supportato dalla bravura dell’attore protagonista Benedict Cumberbatch e si è aggiudicato anche il premio Oscar per la Miglior sceneggiatura non originale.

4) JOY: 2015,  Regia di David O. Russell

E’ la storia dell’inventrice, imprenditrice italo americana Joy Mangano, interpretata dalla bravissima Jennifer Lawrence. Joy è una donna divorziata con due figli, che fatica ad andare avanti, ma con la sua determinazione riesce a dare una svolta clamorosa alla sua esistenza: inventa il Miracle Mop, il mocio autostrizzante per pulire i pavimenti e partendo da questa sua invenzione riesce a costruire un grande impero commerciale e si riscatta dalla sua vita precedente. Le storie al femminile nel cinema sono sempre troppo poche, ma questo è uno di quei film che può sicuramente essere da stimolo per non essere vittima dei pregiudizi e riuscire ad abbattere gli ostacoli e realizzare i propri sogni.

5) IL RAGAZZO CHE CATTURÒ IL VENTO: 2019, Regia di Chiwetel Ejiofor

Questo film del 2019, scritto, diretto ed interpretato da Chiwetel Ejiofor, è basato sull’omonimo libro di memorie scritto da William Kamkwamba, inventore e scrittore malawiano. Kamkwamba a 14 anni costruì un mulino a vento con materiale di recupero per dare elettricità al suo villaggio e per questo suo impegno sociale e per tutto il suo ingegno, ha ricevuto fondi per continuare a studiare, avendo scarsi mezzi economici a disposizione. Questo giovane ragazzo africano è diventato un punto di riferimento nei convegni per parlare di green economy e di ecosostenibilità. “Il ragazzo che catturò il vento” è disponibile su Netflix ed è stato selezionato per rappresentare il Regno Unito come Miglior film in lingua straniera agli Oscar 2020.

“Non sempre cambiare equivale a migliorare, ma per migliorare bisogna cambiare”, diceva Sir Winston Churchill, ed allora nell’attesa del 2020, non resta che lasciarsi ispirare dalle proprie vittorie, dagli errori, dalla realtà, dagli altri, ed anche dal cinema.

Ti è piaciuto? Cosa ne pensi? Faccelo sapere nei commenti. Rispondiamo sempre.

SmakNews_Smart_Marketing_logo_SResta aggiornato sulle nostre pubblicazioni e sulle ultime novità dal mondo del marketing e della comunicazione.

Qui, se vuoi, puoi consultare la nostra Privacy Policy

image_pdfimage_print

LEAVE A REPLY

Login with:
Powered by Sociable!