Simply the best: quando l’AI è un’opportunità per i creativi

0
311
Simply the best: quando l’AI è un’opportunità per i creativi

In questi mesi sento spesso i professionisti che lavorano in ambiti creativi, come grafici, copywriter e in generale tutti coloro che sono content creator, preoccuparsi del fatto che l’AI potrà evolversi fino a rubare loro il lavoro.

Già oggi l’intelligenza artificiale con i prompt giusti sa creare immagini che nulla hanno da invidiare al miglior grafico e testi degni della penna più eccellente. Tuttavia questa evoluzione della tecnologia dovrebbe essere vista dal professionista come opportunità di crescita e miglioramento, oltre che di ottimizzazione del tempo e del modo di lavorare. Vediamo qualche esempio.

3 modi di usare l’AI come un’opportunità per i grafici

Chi lavora nell’ambito della grafica potrebbe usare l’intelligenza artificiale per:

  1. Generazione di Immagini Realistiche: Le reti neurali generative (GAN) sono particolarmente efficaci nel generare immagini realistiche. Possono essere addestrate su grandi set di dati e usate per creare immagini che sembrano essere state scattate da una fotocamera, ma in realtà sono generate dall’algoritmo.
  2. Editing e Manipolazione delle Immagini: L’AI può essere utilizzata per modificare o migliorare le immagini esistenti. Ciò include la rimozione di oggetti indesiderati dalle immagini, miglioramenti automatici come l’aggiustamento del contrasto o della luminosità e la generazione di nuovi contenuti basati su specifiche istruzioni.
  3. Creazione Artistica: I modelli di intelligenza artificiale possono essere addestrati per generare arte visiva. Ci sono esempi di AI che producono opere d’arte astratte o imitano lo stile di pittori famosi, tutto attraverso l’apprendimento dalle opere esistenti.
  4. Generazione di Disegni e Progetti: In ambito di design, l’AI può essere impiegata per generare disegni o progetti basati su parametri specifici. Ad esempio, nell’architettura, l’AI può generare proposte di layout o di design in base a criteri forniti.

L’AI offre quindi un vasto potenziale per migliorare l’esperienza di visualizzazione dei dati, rendendo le informazioni più accessibili, comprensibili e utili per coloro che le analizzano o le utilizzano.

Scopri il nuovo numero: “Simply the best 2023”

E’ inevitabile. Ogni anno porta con sé qualcosa di buono e qualcosa di meno buono. Qualcosa che è andata bene e qualcosa che è andata meno bene. Quello che possiamo fare è prendere semplicemente il meglio da ogni situazione.

3 modi di usare l’AI come un’opportunità per i copywriter

Anche il copywriter può lavorare meglio grazie all’intelligenza artificiale che diventa l’alleato di ogni giorno per:

  1. Generazione di Contenuti e Testo Creativo: Gli strumenti basati sull’AI come i modelli di linguaggio possono essere utilizzati per generare idee, titoli, bozze o addirittura interi articoli. Questi modelli possono essere addestrati per produrre contenuti che rispettino uno stile specifico o un tono di voce desiderato, fornendo ispirazione o aiutando a generare idee per le campagne pubblicitarie, i post sui social media, le descrizioni di prodotti e altro ancora.
  2. Ottimizzazione della Scrittura e del Copywriting: Gli strumenti di analisi del testo basati sull’AI possono aiutare i copywriter a ottimizzare i loro contenuti. Possono identificare parole chiave, migliorare la chiarezza e la coerenza del testo, nonché fornire suggerimenti per migliorare l’engagement del pubblico. Questi strumenti possono essere utili per ottimizzare gli annunci pubblicitari, le e-mail di marketing o i contenuti per siti web.
  3. Personalizzazione del Contenuto: L’AI può essere utilizzata per personalizzare il contenuto in base alle preferenze del pubblico. Analizzando i dati demografici, comportamentali o di interazione, gli strumenti basati sull’AI possono adattare i messaggi in modo più preciso, rendendo i copy più pertinenti e coinvolgenti per specifici segmenti di pubblico. Ciò è particolarmente utile nelle strategie di marketing che puntano alla personalizzazione delle esperienze degli utenti.

L’AI può dunque fungere da alleato per i copywriter, aiutandoli a generare contenuti, ottimizzare la qualità e l’efficacia del testo e personalizzare le comunicazioni per un pubblico specifico. Tuttavia, è importante sottolineare che l’intervento umano e la creatività restano cruciali per garantire l’originalità e la rilevanza dei messaggi creati.

E tu, credi ancora che l’AI ti ruberà il lavoro o la stai usando già per migliorare e far crescere il tuo business?

Hai letto fino qui? Allora questi contenuti devono essere davvero interessanti!

Iscriviti per restare in contatto con Smart Marketing. Senza perderti nulla!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.