Simply the best 2023 – L’editoriale di Raffaello Castellano

0
261
Nell'immagine un uomo in cima ad una scala osserva l'orizzonte - Smart Marketing
Nell'immagine Raffaello Castellano Direttore responsabile del mensile Smart MarketingAnche questo 2023 volge al termine, un anno pieno di eventi e cose da ricordare che, almeno per quanto mi riguarda, è volato via.
Quali sono gli eventi che hanno contraddistinto questo 2023 per quanto riguarda il nostro particolare punto di vista che, come sapete, è verticale e trasversale allo stesso tempo?
L’elenco sarebbe lungo, personalmente credo che le cose più importanti sono state almeno cinque.

 

La prima è, senza dubbio, l’inarrestabile carica dell’esercito delle nuove Intelligenze Artificiali Generative che ha visto in ChatGPT di Open AI il suo alfiere e che durante l’anno appena trascorso ha quasi monopolizzato il dibattito pubblico, complice un certo timore per le faccende di natura etica e la paura, in particolare per alcune categorie di lavoratori, che ha toccato l’apice con il lungo sciopero degli sceneggiatori ad Hollywood.

La seconda riguarda lo scacchiere geopolitico internazionale, già gravemente compromesso dal conflitto Russo – Ucraino e che da inizio ottobre, con l’attentato di Hamas a Israele, ha visto scoppiare un altro sanguinoso conflitto in una delle zone più sensibili e nevralgiche del mondo. Non sappiamo come si svilupperanno questi due fronti bellici, ma una cosa è certa: ciò che succede in Ucraina e a Gaza ci riguarda tutti, e molto da vicino.

Terza cosa è senza dubbio la ripresa del turismo sia internazionale che nel nostro Paese. Dopo i due anni sotto il segno del Covid19 (2020 e 2021) e dopo un anno, il 2022, pieno di alti e bassi e con la paura dei contagi ancora troppo forte, il 2023 ha visto una ripresa netta del turismo e, a cascata, di tutti i settori interessati, a cominciare da quello del trasporto aereo, giù, giù, fino alle strutture ricettive e di ristorazione. Purtroppo il 2023 è stato anche l’anno degli aumenti pazzi dei prezzi, in media il 25% in più, che comunque non hanno frenato i turisti e vacanzieri.

Quarta cosa davvero importante è stata la ripresa del settore cinematografico, che finalmente ha visto tornare la gente, in massa, a riempire le sale. Artefici principali di questa inaspettata ripresa sono stati due film, Barbie ed Oppenheimer, che in piena estate da luglio in poi hanno dimostrato che se la programmazione, il prodotto e il marketing lavorano bene ed in sinergia anche i mesi più caldi possono essere ottimi per uscite di film importanti e per destagionalizzare la stagione cinematografica.

Scopri il nuovo numero: “Simply the best 2023”

E’ inevitabile. Ogni anno porta con sé qualcosa di buono e qualcosa di meno buono. Qualcosa che è andata bene e qualcosa che è andata meno bene. Quello che possiamo fare è prendere semplicemente il meglio da ogni situazione.

Quinta ed ultima cosa, questo 2023 verrà ricordato come l’anno più caldo da quando esistono le misurazioni. Inutile contare gli eventi atmosferici estremi che hanno interessato il nostro Paese e il mondo intero, sono troppi, basta sapere che l’estate dell’anno scorso è stata la più secca e lunga di sempre, con un caldo fuori da qualsiasi scala che è cominciato a maggio per concludersi a fine ottobre, con circa 6 mesi di caldo intenso. Gli sconvolgimenti climatici sono e saranno il tema dei temi dei prossimi anni, nei quali dovremo imparare, tra le altre cose, a resistere a temperature sempre più calde per periodi sempre più lunghi.

Sarebbero tanti gli argomenti che potrebbero allungare questo “personale” elenco, temi economici, politici, di costume, ma credo, da giornalista con 20 anni e più di esperienza, che questi 5 siano, nel bene e nel male, gli eventi che più hanno fatto notizia in quest’anno appena trascorso.

Riepilogando, abbiamo due brutte notizie, il surriscaldamento globale e i due conflitti russo-ucraino e israelo-palestinese; due buone notizie, la ripresa del turismo e delle sale cinematografiche; ed infine una notizia che desta allo stato attuale un misto di preoccupazione ed entisiasmo, l’ascesa inarrestabile delle AI Generative.

Potremmo dire che il 2023 è finito con un sostanziale pareggio.

Voi cosa ne pensate? È davvero così?

Qual è, fra queste cinque, la notizia che suscita il vostro maggior interesse e/o preoccupazione?

Oppure, ne avete un’altra che non è presente in elenco?

Fatemelo sapere nei commenti.

Intanto che ci pensate, vi auguro buona lettura e Buon Anno Nuovo!

Hai letto fino qui? Allora questi contenuti devono essere davvero interessanti!

Iscriviti per restare in contatto con Smart Marketing. Senza perderti nulla!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.