Da influencer alle aule universitarie: Giulia De Lellis all’Università Bocconi e sui social si grida allo scandalo.

Perché mai la testimonianza in una università da parte di una persona che ha fatto di una passione un lavoro, utilizzando i social, dovrebbe essere fuori luogo?

0
126
Da influencer alle aule universitarie: Giulia De Lellis all’Università Bocconi e sui social si grida allo scandalo.
Foto di Giulia De Lellis dal suo profilo IG

E’ uno SCANDALOOOH!!!

Giulia De Lellis, influencer da oltre 5 milioni di follower su Instagram e imprenditrice con 12 dipendenti nel campo del beauty e del fashion è stata invitata mercoledì 20 marzo dall’Università Bocconi per raccontare la sua esperienza al master in Fashion, Experience & Design management, come riporta il Corriere della Sera.

Di appuntamenti di questo genere le università sono piene: si cerca di offrire agli studenti delle testimonianze dirette da parte di aziende e professionisti in grado di rispondere a domande, ispirare e lasciare loro qualcosa di pratico.

Eppure, questa notizia proprio non è andata giù a tanti. Com’è possibile che una che si fa delle foto possa andare ad insegnare alla Bocconi? Questo è il senso delle centinaia di commenti al post del Corriere su Instagram. A dire il vero, il congiuntivo nei commenti ho faticato a trovarlo e il loro tenore degli stessi era, se vogliamo, più aggressivo. Ma ci siamo capiti. 

Sarò matto io, ma in un master che tratta il settore del fashion – che a livello mondiale vale 17 trilioni di dollari – e nel quale si studieranno sicuramente i nuovi modi di comunicare, perché mai la testimonianza di una persona che ha fatto di una passione un lavoro, utilizzando i social, dovrebbe essere fuori luogo?

Potrà non piacere, certo. Ma è altrettanto certo che qualcosa da dire ce l’avrà. Quanto meno come esperienza diretta che, in quanto tale, è legittima per definizione. Ad esempio, se fossi uno studente, anche magari uno che non la segue o a cui non piace la sua comunicazione, le chiederei come ha gestito i primi introiti, che difficoltà ha dovuto superare per aprire la sua azienda, com’è cambiata la sua comunicazione e come sono cambiati i suoi obiettivi nel tempo, come gestisce le relazioni con i brand, e tanto altro.

Insomma lo SCANDALOOOH!!! è non essersi accorti che, all’alba del 2024, il mondo è cambiato e sono nate nuove professioni. Professioni accessibili a tutti, ma che non tutti riescono a svolgere agli stessi livelli. Proprio come ogni altra. Non è poi così complicato comprenderlo. Altrimenti vorrei che qualcuno mi spiegasse come mai esistono idraulici, professori, chef, manager, etc, etc. bravi e meno bravi, e come mai, avendo tutti almeno uno smartphone a disposizione non siamo diventati improvvisamente tutti influencer con contratti importanti. 

Resto in attesa di gentile riscontro.

Ti è piaciuto? Hai qualche riflessione da condividere?
Scrivimi nei commenti. Rispondo sempre.
Rimaniamo in contatto su LinkedIn: www.linkedin.com/in/ivanzorico

Hai letto fino qui? Allora questi contenuti devono essere davvero interessanti!

Iscriviti per restare in contatto con Smart Marketing. Senza perderti nulla!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.