“No amore, non è come sembra!” 5 film sulle intricate dinamiche dell’infedeltà

0
2524
Nell'immagine le cinque locandine dei film sul tradimento - Smart Marketing

Che bella l’estate, il mare, le vacanze, il sole, le ferie…i tradimenti. Sì perché dai numerosi sondaggi e studi che ogni anno ci propinano sui più svariati argomenti, quelli sull’infedeltà portano questo risultato: l’estate è la stagione preferita per tradire. Prevedibile, direte voi, un po’ sì, aggiungo io, ma in realtà il motivo non è solo la riduzione dei centimetri di vestiti che coprono i nostri corpi con annesse conseguenze, bensì il fatto che l’estate tendiamo ad essere più rilassati, ci distacchiamo momentaneamente dalla pressione del lavoro e dalle incombenze domestiche, per cercare relax e leggerezza. I numerosi programmi televisivi, le app di incontri specializzate e i tantissimi film e serie tv sull’argomento infedeltà qualcosa ci hanno fatto intuire ed è in questo controverso universo che la nostra passionale nazione si piazza al primo posto tra i paesi europei (dato del 2022) per il più alto tasso di tradimenti e relativi traditori.

Scopri il nuovo numero: “Fenomeno Barbie”

Tutto si è colorato letteralmente di rosa, il film Barbie è ormai un fenomeno. Un esempio di come un ottimo prodotto, affiancato da un ottimo marketing, può fare la differenza.

Come recita un claim di una nota trasmissione televisiva, si può essere fedeli in un solo modo ed essere infedeli in milioni di modi differenti, direi anche con milioni di motivazioni differenti: la noia, la mancanza di stima e appoggio da parte del partner, il fisiologico calo del desiderio dopo qualche anno, la voglia di evasione, l’infatuazione irrazionale verso un’altra persona? E poi è vero che gli uomini tradiscono più per un fugace piacere fisico del momento e la donna ci aggiunge sempre un bel carico di coinvolgimento emotivo (sempre a complicare le cose noi donne…)? Tantissime le domande, a cui io personalmente proprio non ho risposta e indovinate chi ci viene come sempre in aiuto? Questa è facile: il cinema! Sì lo so, per me ha una risposta a tutto, ormai lo sapete, quindi cosa ho fatto? Ho scelto per voi 5 film molto differenti tra loro, che ci aiuteranno a scavare nelle torbide dinamiche del tradimento e in tutti i suoi infiniti meccanismi. Preparatevi perché qui si parla anche di capolavori.


ATTRAZIONE FATALE (1987, Regia di Adrian Lyne)
Iniziamo proprio con un capolavoro del cinema degli anni ’80, un vero cult, “Attrazione fatale” (titolo originale “Fatal Attraction”) film del 1987 del regista britannico Adrian Lyne, autore di capolavori senza tempo come “Flashdance”, “9 settimane e ½” e “Proposta indecente”. “Attrazione fatale” è ancora oggi considerato uno dei thriller più apprezzati e famosi, che ha reso immortale anche la strepitosa Glenn Close, che in questo film interpreta Alex Forrest che, dopo una relazione sessuale, si invaghisce perdutamente di Dan Gallagher, interpretato da Michael Douglas, ed inizia a sviluppare una forte ossessione nei suoi confronti fino al punto di arrivare a mettere in pericolo la vita della famiglia di Dan. Con questo film Glenn Close ha dato vita ad un personaggio emblematico del cinema mondiale, diventando un’attrice iconica. E’ uscita, invece, il 1° maggio scorso su Paramount+, la serie tv omonima remake del film, con protagonisti Lizzy Caplan e Joshua Jackson, serie intensa e coinvolgente che non raggiunge la grandiosità del film originale;

 

IL DANNO (1992, Regia di Louis Malle)
Un altro capolavoro è sicuramente “Il danno” (titolo originale “Damage”), diretto dal regista Louis Malle, film drammatico tratto dal romanzo omonimo della scrittrice Josephine Hart. E’ la torbida storia della relazione clandestina tra la giovane e affascinante Anna Barton e il padre del suo fidanzato, l’importante politico Stephen Fleming, interpretato da un meraviglioso Jeremy Irons, perfettamente adatto a questi misteriosi personaggi. Ben presto questa attrazione iniziata con incontri sessuali diventa una vera e propria ossessione da cui non riuscire più a tirarsi fuori, con tragiche conseguenze. Quest’anno è uscito il remake di questo film sotto forma di miniserie thriller, dal titolo “Ossessione”, presente nel catalogo Netflix, piacevole, ma non minimamente paragonabile al film che ha reso famosa la bellissima Juliette Binoche;

 

CLOSER (2004, Regia di Mike Nichols)
Bellissimo film del 2004, del regista premio Oscar per “Il laureato” Mike Nichols e la maestria di questo regista si vede tutta, perché in questo film, tratto dall’omonima opera teatrale di Patrick Marber, con protagonisti Jude Law, Natalie Portman, Julia Roberts e Clive Owen, l’intreccio delle storie d’amore di questi quattro personaggi è la forza di tutta la pellicola. La narrazione segue l’incontro di Dan, Alice, Anna e Larry, che si amano, si lasciano, si scontrano, si riprendono, il tutto con una grande dose di magia e poesia, anche nei momenti più bassi delle loro conversazioni. Direi un film assolutamente imperdibile, che ha permesso a Clive Owen e Natalie Portman di vincere il Golden Globe come Miglior attore non protagonista per la loro formidabile interpretazione; altrettanto degna di nota la bellissima canzone “The Blower’s Daughter” del cantautore Damien Rice, colonna sonora del film;

 

LAST NIGHT (2010 Regia di Massy Tadjedin)
Anche questo film è stupendo e non va per niente perso, lo so che lo sto dicendo per tutti i film, ma se così non fosse non li avrei scelti. Della regista iraniana Massy Tadjedin, questo film del 2010 con protagonisti Keira Knightley, Eva Mendes, Sam Worthington e Guillaume Canet, analizza tutti gli intricati meccanismi che portano al tradimento, dal desiderio fisico, alla complicità, dall’affetto, alla chimica, dalla nostalgia, alla curiosità e lo fa raccontando due notti parallele di una coppia sposata, lei alle prese con una sua vecchia fiamma, mostrando il lato emotivo del tradimento e lui con una sua nuova provocante collega, raccontando il lato più fisico dell’infedeltà;

 

COSA VOGLIO DI PIU’ (2010, Regia di Silvio Soldini)
Silvio Soldini si serve dei due grandiosi Alba Rohrwacher e Pierfrancesco Favino per portare sul grande schermo le difficili peripezie di due persone impegnate che si incontrano e non riescono più a fare a meno l’uno dell’altra. Anna è un’assicuratrice che convive con il suo compagno e Domenico è sposato e ha due figli, il caso li fa incontrare e da quel momento esplode una chimica dapprima fortemente fisica che poi sfocerà anche in un legame sentimentale, che spingerà entrambi a mentire e a fare di tutto per poter passare del tempo insieme, finché la situazione non diventerà sempre più complessa. Intenso ed appassionante film, che accompagna lo spettatore tra le complicate vicissitudini di una coppia clandestina.

Questa volta mi trovo in difficoltà a dover dare i miei soliti consigli finali per chiudere l’articolo, non vorrei fossero visti come un invito, quindi, mi limiterò a consigliarvi di recuperare questi bellissimi film e di lasciarvi ispirare, ma non troppo.

Hai letto fino qui? Allora questi contenuti devono essere davvero interessanti!

Iscriviti per restare in contatto con Smart Marketing. Senza perderti nulla!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.