Nel libro “La tirannia del merito”, Michael J. Sandel ci dice senza mezzi termini che la meritocrazia è pericolosa ed iniqua per la società

Un libro al mese, in piccole schede, in poche battute, per decidere se vale la pena comprarlo e soprattutto leggerlo. Perché la lettura, come diceva Woody Allen, è anche un esercizio di legittima difesa.

0
405

Per il terzo anno consecutivo, anche nel 2023, voglio proporvi un libro al mese, forse due, per raccontare chi siamo, da dove veniamo, dove vorremmo andare e come ci vogliamo arrivare. Perché la lettura può essere svago, intrattenimento, ma anche un valido esercizio per imparare a pensare e sviluppare una certa idea del mondo.

Un libro al mese, in piccole schede, in poche battute, per decidere se vale la pena comprarlo e soprattutto leggerlo. Perché la lettura, come diceva Woody Allen, è anche un esercizio di legittima difesa.

“La tirannia del merito – Perché viviamo in una società di vincitori e di perdenti” di Michael J. Sandel è un libro incisivo e profondo che analizza la nostra società, in cui esiste una netta divisione tra vincitori e perdenti. L’autore si muove sapientemente tra filosofia, politica ed economia per mostrare come il merito sia diventato il valore fondante della nostra società e come questo abbia portato ad una crisi sociale ed esistenziale.

Sandel sostiene che l’ideologia del merito ha preso il posto di quella dell’uguaglianza come base fondante della legittimazione del successo e che l’idea che l’individuo possa raggiungere il successo solo per il proprio merito è ingannevole e totalmente irrealistica. Egli contesta il presupposto che i ricchi e i fortunati siano già meritevoli e che i poveri siano poveri perché non hanno fatto abbastanza per migliorare la loro situazione.

Scopri il nuovo numero: “Questione di Bias”

Ogni giorno prendiamo migliaia di decisioni e non sempre abbiamo il tempo necessario per raccogliere tutte le informazioni necessarie per prendere la migliore decisione possibile. Proprio per sopravvivere a queste situazioni, facciamo involontariamente ricorso ai pregiudizi – ai bias – che intervengono nelle nostre scelte decisionali molto più spesso di quanto pensiamo.

Il libro analizza inoltre il fallimento dell’idea di successo come conseguenza di una competizione meritocratica equa e come questo fallimento abbia portato ad una crescente disillusione nei confronti della politica e delle istituzioni. In quest’ottica, Sandel dipinge un quadro cupo della società, in cui il successo è basato sulla capacità di mercificare titoli accademici ed esperienze e in cui la crescita economica non è in grado di garantire il benessere generale.

L’autore offre una critica radicale alla concezione del merito come virtù morale e come premio per la giusta condotta e la meritata ricompensa per l’impegno e la fatica. Al contrario, egli ci invita a pensare che il merito che l’individuo acquisisce possa anche dipendere da fattori che esulano dalla propria volontà, come ad esempio la classe sociale di origine, la nazionalità, il contesto economico e politico in cui si vive, i rapporti sociali e politici e così via.

Nell'immagine la copertina del libro La tirannia del merito - Perché viviamo in una società di vincitori e di perdenti” il filosofo Michael J. Sandel - Smart MarketingLa tirannia del merito
Perché viviamo in una società di vincitori e di perdenti

Autore: Michael J. Sandel

Editore: RCS MediaGroup (I libri del Corriere della Sera)

Anno: febbraio 2023

Pagine: 284

Isbn: No Isbn

Prezzo: € 9,90

 

 

In una società nella quale l’uguaglianza delle opportunità rimarrà sempre una chimera, il contraccolpo populista degli ultimi anni è stato una rivolta contro la tirannia del merito, che è umiliante e discriminatoria. Da questa ondata populista, dimostra il filosofo Michael Sandel, dobbiamo imparare: non per ripeterne gli slogan xenofobi e nazionalisti, ma per prendere sul serio le richieste legittime che ne sono all’origine. Sandel risponde così alla Brexit, al fenomeno Trump e all’avanzata inarrestabile dell’estrema destra in Europa, offrendo una strategia teorica e politica per ripensare il bene comune.

Perché dovremmo leggere “La tirannia del merito – Perché viviamo in una società di vincitori e di perdenti” di Michael J. Sandel?

“La tirannia del merito – Perché viviamo in una società di vincitori e di perdenti” è un libro importante e accessibile che offre una critica perspicace alla concezione del merito basata su un’ideologia meritocratica e che offre una visione alternativa in cui il merito e l’uguaglianza sono costrutti sociali e non valori assoluti e indiscutibili. L’autore ci invita a riflettere sulla necessità di creare una società più equa e più giusta basata sulla solidarietà e sulla condivisione, piuttosto che sulla competizione e sulla meritocrazia.

 

 

Ti è piaciuto? Cosa ne pensi? Faccelo sapere nei commenti. Rispondiamo sempre.

SmakNews_Smart_Marketing_logo_SResta aggiornato sulle nostre pubblicazioni e sulle ultime novità dal mondo del marketing e della comunicazione.

Hai letto fino qui? Allora questi contenuti devono essere davvero interessanti!

Iscriviti per restare in contatto con Smart Marketing. Senza perderti nulla!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.