Ma quanto vale la moda in Italia?

0
61

Si è conclusa ieri la 𝗠𝗶𝗹𝗮𝗻𝗼 𝗙𝗮𝘀𝗵𝗶𝗼𝗻 𝗪𝗲𝗲𝗸, di cui attendiamo di conoscere i numeri ufficiali. In questo 2024 della definitiva ripresa post-pandemia, secondo quanto stimato dalla Confcommercio, l’indotto generato dovrebbe aggirarsi intorno ai 70 milioni di euro, in crescita del 22% rispetto al dato pre-pandemico del 2019.

Sono state previste 100.000 presenze (+10%), di cui circa 65.000 stranieri. È stato calcolato che lo scontrino medio si attesterà sui 1000 euro. L’impatto positivo interesserà anche i piccoli commercianti: nelle previsioni, in parte già confermate da varie dichiarazioni ufficiali, si parla di un incremento delle vendite di circa il 10%, il tutto senza considerare i ricavi generati dagli eventi collaterali.

MA QUANTO VALE LA MODA IN ITALIA?

Secondo i dati del Fashion Economic Trends, il 2023 si è chiuso con ricavi per oltre 102 miliardi di euro, con un incremento del 4% sull’anno precedente. L’export è salito del 4,2% e il saldo commerciale fra import ed export ha raggiunto i 40 miliardi di euro.

I principali paesi di export sono Francia, Germania ed USA, mentre la crescita più significativa si è registrata in Francia e Giappone, che hanno segnato un +16%.

Nell'immagine la provvocatoria installazione "Climate change doesn't exist", che rappresenta un'automobile distrutta da chicchi di grandine gicanti, realizzata da Cesvi e Factanza Media durante la Milano Fashion Week - Smart Marketing
La provvocatoria installazione “Climate change doesn’t exist”, realizzata da Cesvi e Factanza Media, durante la Milano Fashion Week.

EPPURE NON È TUTTO ORO QUELLO CHE LUCCICA.

Benché i grandi brand del lusso si stiano orientando verso una produzione e distribuzione sempre più green, la moda rimane uno dei comparti che maggiormente impattano sul pianeta, come ci ricorda il Sole 24 Ore: “Ogni anno la moda utilizza 93 miliardi di metri cubi d’acqua ed è responsabile di una quota significativa di emissioni di gas serra, stimata tra l’8 e il 10% del totale a livello mondiale”.

A questo proposito, particolarmente significativa è stata l’installazione artistica, quasi un’operazione di guerrilla marketing sociale, messa in atto durante la Milano Fashion Week da Cesvi, Factanza Media e Mirror, che hanno esposto un’automobile distrutta da chicchi di grandine enormi con la scritta “Climate change doesn’t exist”.

E tu, cosa pensi della moda, dei suoi numeri e del suo impatto?

Hai letto fino qui? Allora questi contenuti devono essere davvero interessanti!

Iscriviti per restare in contatto con Smart Marketing. Senza perderti nulla!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.