Sanremo è Paolo: la seconda serata del 70° Festival della Canzone Italiana

0
313

La seconda serata della settantesima edizione del Festival della Canzone Italiana, inizia con Fiorello travestito da Maria De Filippi e si evolve nel commovente ricordo di Fabrizio Frizzi.

Fiorello, brio in un contesto un po’ lento, canta, balla e fa divertire il pubblico dell’Ariston che non smette di regalare standing ovation ai tantissimi ospiti intervenuti nel corso della serata.

Il primo ospite a sorpresa è il campione Novak Doković, seguito da Massimo Ranieri che duetta con Tiziano Ferro nel celebre brano “Perdere l’amore”.

Tra gli ospiti attesi ci sono anche Zucchero, che infiamma il pubblico dell’Ariston con un medley eseguito insieme alla sua storica band e Gigi D’Alessio, che festeggia i vent’anni del suo brano “Non dirgli mai”, in gara al Festival di Sanremo del 2000.

Il momento che tutti attendono da anni però, è quello in cui a salire sul palco saranno i Ricchi e Poveri.

La reunion di questo gruppo rappresenta sicuramente un momento storico che ricorderemo nelle prossime edizioni del Festival. La formazione originale a quattro voci, due femminili e due maschili, è esistita dal 1967 al 1981 per poi continuare tra svariate vicissitudini, a tre voci ed infine a due voci.

All’interpretazione dei Ricchi e Poveri si devono brani meravigliosi della storia della canzone italiana che tutti noi abbiamo ben scolpiti nella mente, come “Mamma Maria”, “Sarà perché ti amo”, “Che sarà”, eseguiti per l’occasione anche sul palco dell’Ariston.

A coadiuvare Amadeus, ci sono tre bellissime donne, così come era capitato per la prima serata, l’icona pop degli anni ’80, Sabrina Salerno accompagnata dalle signore del TG 1, Emma D’Aquino e Laura Chimenti, che porteranno all’attenzione del pubblico, la libertà di stampa e l’esperienza di essere una mamma lavoratrice.

La seconda serata, che sembra lasciare molto spazio agli ospiti e poco alla gara canora, vede sul palco anche l’esibizione di Paolo Palumbo, giovane cantautore affetto dalla SLA, insieme al rapper Kumalibre.

Il suo brano, “Io sono Paolo”, delicato e di una grandissima potenza evocativa, è un bellissimo inno alla vita che racconta come la sua condizione di malato non gli abbia impedito di realizzare i suoi sogni.

Paolo, imprigionato in un corpo che non riesce a comandare più, parla utilizzando un comunicatore vocale che guida con gli occhi, ma nonostante questo non hai mai smesso di sognare, di sperare e di amare la vita. Il suo insegnamento di ringraziare ed apprezzare anche le piccole cose, è prezioso in un mondo di eterni insoddisfatti.

Il Festival guidato da Amadeus si prefigura sempre di più, come momento per riflettere oltre che intrattenere, guadagnandosi a pieno titolo l’appellativo di “Festival dell’inclusione”.

Escluse invece dalla kermesse canora, sono altre due giovani proposte che non passano il turno, Gabriella Martinelli&Lula e Matteo Faustini.

Peccato per l’esclusione di Gabriella Martinelli&Lula, il loro “Il gigante d’acciaio” avrebbe meritato sicuramente una chance, soprattutto per la tematica affrontata, ma forse, il riscatto di una terra martoriata, è un argomento troppo poco sanremese.

Accedono invece alle semifinali, Fasma e Marco Sentieri, che ritorneranno venerdì insieme a Tecla e Leo Gassmann.

La seconda serata è anche quella degli altri 12 big in gara e della relativa classifica parziale.

Ultimo Junior Cally, a monito del fatto che le polemiche quest’anno non pagano, preceduto da Rancore ed Elettra Lamborghini, mentre sul podio della serata troviamo Gabbani, seguito da Piero Pelù ed I Pinguini Tattici Nucleari.

Intanto la classifica generale, quella delle 24 canzoni in gara, vede trionfare Gabbani, Le Vibrazioni e Piero Pelù; ultimi, Junior Cally insieme a Bugo e Morgan.

Stasera, la giuria demoscopica lascerà il posto alle votazioni della grande orchestra del Teatro Ariston ed i cantanti in gara si esibiranno in duetti con ospiti speciali reinterpretando le canzoni che hanno fatto la storia e reso grande il Festival di Sanremo.

Ti è piaciuto? Cosa ne pensi? Faccelo sapere nei commenti. Rispondiamo sempre.

SmakNews_Smart_Marketing_logo_SResta aggiornato sulle nostre pubblicazioni e sulle ultime novità dal mondo del marketing e della comunicazione.

Qui, se vuoi, puoi consultare la nostra Privacy Policy

image_pdfimage_print

LEAVE A REPLY

Login with:
Powered by Sociable!