Lo Specchietto RetrovisoreIl meeting del 31 gennaio/1 febbraio della FED non sarebbe dovuto essere un evento in grado di influenzare i mercati. Anche attendersi una Janet Yellen in grande spolvero, in stile aggressivo era evidentemente impensabile. Non fosse altro perché della politica fiscale di Trump non si conosce ancora nulla.

A Washington sono perfettamente consci dell’ottimismo sia del livello di confidenza dei consumatori che delle aziende, e osservano una crescita e un tasso di inflazione leggermente più sostenuto di quanto previsto. Tutto questo, insieme con l’esigenza di dover “governare” le spese pazze della nuova amministrazione Trump, spinge tuttavia la FED ad essere cautelarmente sull’attesa. Infatti benché la maggior parte dei votanti preveda 3 rialzi nel 2017, sembra essere diventato molto più importante valutare le misure e gli effetti della nuova politica fiscale prima di potersi sbilanciare sulla velocità dei rialzi.donald-trump-repubblicani-usa-1030x615

Si è avuta l’impressione che siamo giunti in un momento storico in cui alcuni “Tweet” contino di più delle autorità monetarie. Ed ecco infatti che in Europa, il ministro delle finanze tedesco W. Schäuble si senta in dovere di ribadire il suo diniego verso politiche monetarie troppo espansive. Un euro troppo debole aiuta la Germania nelle sue esportazioni era stato l’attacco di Trump. Anche la BOJ, accusata di manipolare la sua valuta, ha reagito mostrando i muscoli andando a comprare “carta” a 10 anni, in modo da portare il rendimento allo 0.11% rispetto allo 0.15%.

Siamo in piena guerra valutaria. Ne avevamo parlato proprio nello scorso numero: fare attenzione alla volatilità che proviene dai cambi e dai tassi. Quest’ultima è in grado di spaventare ancora di più rispetto alla volatilità dell’azionario. L’investitore medio non è pronto ad accettare incertezza sui bond e i modelli di Risk Parity non la concepiscono neanche perché abituati a modellare e prendere in considerazione livelli di volatilità ben inferiori.

guerra valutariaLa lettura che si può dare a questo atteggiamento attendista della Fed ricade evidentemente nella propensione di Trump a far discutere di protezionismo, di divieti, attacchi ad istituzioni indipendenti ed esterne agli Stati Uniti. Una chiara volontà di spostare l’attenzione fuori dai propri confini, evidenziando marcatamente possibili detrattori di ricchezza, eventuali capri espiatori. Restiamo pertanto tutti in attesa di valutare quanto promesso in materia fiscale e intanto osserviamo un altro indicatore dello stato di salute degli Stati Uniti. Il tasso di disoccupazione, come evidenziato dal report sul lavoro di venerdì scorso, si attesta al 4.8% rispetto al 4.7% del dato precedente. Un rialzo giustificabile dall’aumento registrato nel numero di persone entrate nella forza lavoro.

Buona settimana finanziaria a tutti.

 

Christian Zorico: LinkedIn Profile

image_pdfimage_print
SHARE
Previous articleDonald Trump VS Terminator: il giorno del Giudizio!
Next articleSANREMO 2017: IL FESTIVAL
Ha conseguito il Master of Quantitative Finance and Risk Management (MAFINRISK) presso l’Università Bocconi nel 2005 dopo essersi laureato in Economia degli Intermediari Finanziari presso la stessa Università. Inizialmente ha svolto attività di ricerca e tutoring per i corsi di Portfolio management e Applied Econometrics presso l’Università Bocconi tenuti dal Professor Andrea Beltratti. In seguito ha avuto modo di consolidare le nozioni tecniche ed applicarle sul campo durante l’esperienza come quantitative analyst e risk manager in un Hedge Fund con strategia macro e successivamente ricoprendo la posizione di gestore di portafoglio e fund manager con mandato flessibile per una banca privata svizzera e un gestore di fondi. L’area di interesse è da sempre il mondo fixed-income e azionario, inseriti nel più ampio approccio di analisi top-down.

LEAVE A REPLY

Login with:
Powered by Sociable!