Il busto di un uomo riempie totalmente lo spazio visivo della Copertina d’Artista di questo dicembre.

È una strana prospettiva quella che ci offre l’artista di questo mese, DES, al secolo Giuseppe De Simone (classe 1968), volutamente ci nasconde la testa e quindi la faccia dell’uomo, quasi a voler impedire una qualsivoglia identificazione o riconoscimento. Ma, d’altra parte, l’artista ci offre una grande quantità di indizi per provare ad azzardare qualche ipotesi, se non sull’identità del nostro protagonista, quantomeno sulla sua nazionalità.copertina-dartista-dicembre-2019-sd

Per aiutarci, o forse confonderci, o entrambe le cose, DES utilizza la tecnica dell’assemblage, componendo la sua opera con vari materiali, per lo più recuperati. Anche la scelta dei materiali non sembra casuale, il corpo del nostro soggetto è fatto di cartoni o carta pacco riciclata ed incollata su un supporto, riciclato anch’esso. Il colore e la consistenza del materiale scelto danno un effetto simile ad un collage, o meglio ad un “patchwork”. Il tutto alla fine sembra il corpo asciutto di un immigrato segnato dalla fatica, dalla fame e dalle cicatrici.

L'artista di questo numero: DES, Giuseppe De Simone.
L’artista di questo numero: DES, Giuseppe De Simone.

Ma, ancora più emblematici, anche se non chiarificatori, sono gli altri elementi che l’artista inserisce sul suo assemblage, primo fra tutti il grande cuore di pezza letteralmente graffettato sul corpo del nostro protagonista, che, non tanto per forma, ma per tipologia e materiali, ricorda in maniera impressionante le stelle gialle di pezza che i nazisti cucivano sui pigiami degli Ebrei nei campi di concentramento.

In alto, sulla sinistra del cuore (a destra per chi guarda l’opera), è attaccata la silhouette di un angioletto, un amorino forse, che suona la tromba; ed anche qui la scelta operata dall’artista è interpretabile in maniere differenti, l’angioletto può essere portatore di buone novelle, ma può anche essere l’angelo dell’apocalisse che suona la sua tromba e preannuncia la fine del Mondo.

Sul collo del soggetto è collocata una collana, anche questa fatta con materiali poveri: il ciondolo sembra una sorta di esca sintetica per la pesca e la collanina sembra quella dei tappi dei lavandini. Infine, il supporto usato dal nostro artista è una tavola sul cui sfondo risaltano i simboli internazionali del riciclo, con un omino stilizzato che butta i rifiuti ed il n° 6 all’interno di un triangolo di frecce.

La domanda, allora, come sempre, è: cosa vuole dirci l’artista???

Forse vuole dirci che non importa la nazionalità del nostro protagonista, non conta la sua identità, conta solamente la sua condizione, la sua umanità, conta solo l’amore con cui noi spettatori guardiamo quest’immagine. Sì, forse la risposta al significato dell’opera è l’amore, quell’amore universale ed incondizionato che dobbiamo ad ogni nostro simile, ad ogni essere umano. Sì, forse la risposta, l’unica possibile, alla domanda posta sopra è l’amore, quello con la “A” maiuscola, l’Amore Supremo che è anche il titolo scelto per l’opera da DES.

Forse, azzardando ancora di più la nostra interpretazione, l’opera di Giuseppe De Simone è uno specchio, o meglio uno di quei pupazzi di cartone o plastica che si trovano nei parchi divertimenti, quelli usati per farsi le fotografie e che sono il corpo di questo o quel personaggio dei cartoni animati o dei fumetti, ma senza testa, in maniera che chiunque voglia farsi una foto possa mettere la sua faccia al posto di quella del pupazzo stesso.

Scopri il nuovo numero > Simply the best

Allora chissà, il messaggio ultimo che l’opera “Amore Supremo” di DES vuole darci è che l’altro, chiunque sia, l’altro sono io, sei tu, l’altro siamo noi.

Made in italy, 2015.
Made in italy, 2015.

DES, Giuseppe De Simone nasce a Cosenza nel 1968, ma vive e opera a Taranto.

Artista autodidatta dotato di un potente talento visionario, si interessa fin da giovanissimo all’arte, di cui esplora tutti gli stili, le tecniche ed i linguaggi, passando agevolmente dalla scultura alla pittura e all’assemblage. Le sue opere manifestano il suo eclettico girovagare fra stili e forme, la sua ricerca è una sintesi armoniosa di contrasti, le sue opere che richiamano sia la Pop art, sia il Dada, sia l’Arte povera, sono filosofiche dichiarazioni dell’ambivalenza insita nell’uomo: profondità ed elevazione, luce ed ombra, movimento e immobilità, bene e male.

Per informazioni e per contattare l’artista DESGiuseppe De Simone:
redazione@smarknews.itemail umanodisumano68@gmail.com
FACEBOOK facebook.com/giuseppe de simone uomo luce
Ricordiamo agli artisti interessati che è possibile candidarsi alla Copertina d’Artista scrivendo alla nostra redazione: redazione@smarknews.it
Ti è piaciuto? Cosa ne pensi? Faccelo sapere nei commenti. Rispondiamo sempre.

SmakNews_Smart_Marketing_logo_SResta aggiornato sulle nostre pubblicazioni e sulle ultime novità dal mondo del marketing e della comunicazione.

Qui, se vuoi, puoi consultare la nostra Privacy Policy

image_pdfimage_print

LEAVE A REPLY

Login with:
Powered by Sociable!