Il mondo del marketing, soprattutto in questa era digitale, vive spesso di mode e di stratagemmi. Formule magiche per aumentare follower e lead, trucchi segreti per spiazzare l’algoritmo, per sfruttarne le falle, e altre cose (insensate) di questo genere. Questo tipo di marketing – anche se non è corretto nominarlo così – non solo è sbagliato nel metodo, ma anche nel merito. Pensare di acquisire migliaia e migliaia di follower, solo per il gusto di vedere aumentare un numerino, è evidentemente un magro obiettivo. Pensare poi che questi follower – della cui reale natura è facile dubitare – possano portare ad un ritorno, solo per il fatto di esserci, è utopistico.

Chi si occupa seriamente di marketing sa invece che non è necessario avere milioni di inconsapevoli follower per raggiungere determinati obiettivi, ma che spesso ne bastano molto meno. Anche solo 1000, ma super ingaggiati. E per ingaggiare le persone, non i meri follower, c’è bisogno di una strategia basata sulla creazione di valore. Una strategia che magari preveda diversi punti di contatto e che tenga conto delle diversità delle piattaforme, dei contenuti e delle modalità di fruizione delle persone. Una strategia che non badi strettamente al numero dei follower, ma alle relazioni create.

Scopri il nuovo numero: “Street marketing”

In un mondo sempre più connesso e dove le persone sono sempre più assuefatte ai messaggi pubblicitari, lo street marketing può esprimere tutto il suo valore e dare ai brand una visibilità inaspettata, anche per mezzo delle piattaforme social.

In questi termini, da qualche anno, si sta affacciando un nuovo trend – il podcast che sta assumendo un ruolo sempre più centrale all’interno delle strategie marketing, di content marketing e di brand journalism. La voce e l’audio stanno vivendo un nuovo rinascimento, e i dati sempre in crescita lo testimoniano: il podcast, come rivela l’ultima rivelazione IPSOS del 2021, registra un ascolto medio mensile intorno ai 10 milioni di persone. Ma oltre il numero in sé, quello che è ben più importante evidenziare è la tipologia di pubblico che fa uso di podcast: molto ingaggiato e fidelizzato, e si nutre mediamente di contenuti per una quarantina di minuti al giorno. Un pubblico ben disposto ad ascoltare, approfondire e con il quale creare una relazione.

Per queste ragioni, oggi è davvero difficile non inserire il podcast all’interno di una strategia multicanale. E per questo motivo abbiamo voluto fare un punto con Gabriella Bellomo, podcaster e consulente di marketing, sul ruolo che il podcast può avere all’interno di una più ampia strategia di marketing. Con lei abbiamo parlato dell’efficacia dell’audio, di come emergere in questo mondo, di formazione e di molto altro ancora.

Nota. Questa intervista è figlia della collaborazione con il Digital Innovation Days – DIDAYS -, di cui siamo media partner e chi vi invitiamo a seguire dal 10 al 13 novembre 2021 in formato phygital. Lì potrete seguire l’approfondimento di Gabriella Bellomo sul mondo del podcast, sabato 13 novembre 2021.

Ti è piaciuto? Hai qualche considerazione in merito? Fammelo sapere nei commenti. Rispondo sempre. Se vuoi rimanere in contatto con me, questo è il link giusto: www.linkedin.com/in/ivanzorico

SmakNews_Smart_Marketing_logo_SResta aggiornato sulle nostre pubblicazioni e sulle ultime novità dal mondo del marketing e della comunicazione.

Qui, se vuoi, puoi consultare la nostra Privacy Policy

image_pdfimage_print

LEAVE A REPLY

Login with:
Powered by Sociable!