Editoriale N° 5 – Ivan Zorico

0
295

Ivan Zorico (165)

 

 

 Ivan ZoricoCi sono numeri e numeri. Ci sono i numeri della disoccupazione, quei numeri che, impietosi, ci dicono che oltre 3 milioni di persone sono senza lavoro e che, pur cercandolo, non riescono a trovare. Ma, come dicevo pocanzi, ci sono numeri e numeri. Quelli che, almeno per quanto riguarda il mio giudizio, sono ancora più gravi: i dati relativi ai cosiddetti “scoraggiati”. Parlo di altrettanti milioni di persone che, a differenza dei primi, non sono neanche alla ricerca di un impiego perché, ormai, sfiduciati da un clima di pessimismo e dalle tante porte in faccia che, nel corso degli anni, hanno collezionato.
Questo numero di Smart Marketing (#ripartItalia) è dedicato proprio a loro. A tutte quelle persone che pensano che nel nostro Paese non ci sia più futuro. A tutte quelle persone che non hanno più la forza di credere in un cambio di rotta. A tutte quelle persone che, magari dopo averci provato più volte, hanno deciso di gettare la spugna.
Abbiamo quindi voluto proporre delle idee, degli spunti e delle considerazioni in merito alla situazione attuale dell’Italia, ma con un occhio ben puntato sul futuro. Abbiamo parlato di opportunità da cogliere, di settori economici da “battere” e modelli positivi da sviluppare e, perché no, replicare.logo-smarknews-quadrato-e-sito
Questo numero, coerentemente con la nostra scelta editoriale, vuole essere una spinta all’azione. Credo fortemente che, se si impiega tutto il tempo a rimuginare sulle occasioni mancate, non se ne avrà più a disposizione per andare a cogliere quelle opportunità che ancora ci sono, e che non aspettano altro che essere afferrate. Per cui non restiamo fermi al solito binario in attesa che passi il nostro treno della vita, ma guardiamoci intorno. Chiediamo in giro, instauriamo relazioni, corriamo il rischio di perderci e di accantonare, anche solo per un attimo, le nostre certezze. Perché, come in tutte le cose, solo la perseveranza, la fiducia in noi stessi e tanto coraggio, possono fare la differenza. Anche perché, alla fine della nostra ricerca (magari) ci accorgeremo che il treno che stavamo aspettando non si trovava lì dove siamo rimasti sospesi per tanto tempo, ma era già pronto su di un altro binario.
Buona lettura e buena suerte!!!

Ivan Zorico

image_pdfimage_print
SHARE
Previous articleLegalità, legalità e legalità!
Next articleEditoriale N° 5 – Raffaello Castellano
Laureato in Informazione e Sistemi Editoriali presso l’Università degli Studi di Bari presso la quale ha conseguito anche il Master di I livello in Comunicazione Sociale e Sanitaria. Cura le relazioni con i media, con gli operatori dell’informazione e con i clienti per diverse realtà produttive ed ha ideato ed organizzato eventi culturali seguendone la promozione. Ha esperienza nel campo della formazione come docente, nell’area della comunicazione e del marketing, e come coordinatore. Oggi è editore e responsabile di redazione del Mensile “Smart Marketing”.

LEAVE A REPLY

Login with:
Powered by Sociable!