La 66esima edizione dei David di Donatello, trasmessa in diretta su Rai Uno e condotta, come ormai consuetudine, da Carlo Conti, ha riservato non poche sorprese ed emozioni scroscianti. Come il David alla migliore attrice protagonista andato ad una emozionatissima Sophia Loren (a proposito, qualcuno aveva dubbi che non lo vincesse lei?) per La vita davanti a sé, del figlio Edoardo Ponti. Alla veneranda età di 86 anni, è lei la catalizzatrice assoluta della serata; lei che porta in dote il ricordo dell’immortale cinema italiano degli anni d’oro; lei, che nel suo portamento, nella sua eleganza d’altri tempi e nei suoi occhi ci fa rivivere quel grande cinema che fu.

Madonna mia aiutatemi, è difficile crederci. La prima volta che ho ricevuto un David è stato 60 anni fa ma stasera sembra la prima volta. L’emozione e la gioia sono le stesse. Il protagonista con me è magico, un bambino che si chiama Ibrahima e ringrazio il mio regista, Edoardo. Il suo cuore e la sua sensibilità hanno dato vita e anima a questo film e al mio personaggio, anche per questo io a mio figlio sono veramente molto grata, è un uomo meraviglioso. Non so se questo sarà il mio ultimo film ma io ho ancora voglia di farne ancora, sempre più belli, io senza il cinema non posso vivere assolutamente.

 Sophia Loren

loren-k00b-u326012079130370nf-656x492corriere-web-sezioni

Di altissimo livello, anche i prestigiosi David alla Carriera, assegnati a Sandra Milo (vestita di rosso fiammante), Monica Bellucci e Diego Abatantuono. Soprattutto quest’ultimo, ha ricordato gli esordi e la sua sfolgorante carriera sempre all’insegna di una poliedricità d’attore, davvero fuori dal comune.

La scorsa edizione, si tenne con gli ospiti in collegamento e il povero Carlo Conti, tristemente solo a reggere la fatica di un’edizione realizzata nel pieno del terrore del Covid-19. Quest’anno l’edizione in presenza ha restituito un po’ di normalità e soprattutto un pizzico di speranza, per un settore tra i più colpiti dalla pandemia. Non sono mancati neanche momenti toccanti, come la consegna della statuetta per la miglior sceneggiatura andato, postumo, a Mattia Torre, lo sceneggiatore e regista scomparso nel 2019 a soli 47 anni, per Figli e ritirato dalla figlia Emma, salita sul palco con la madre Francesca:

Complimenti a mio padre che è riuscito a vincere questo premio anche se non c’è più. Bravo papà.

Gli altri tre premi attoriali, quelli più attesi e celebrati sono andati nell’ordine, a Elio Germano (miglior attore protagonista) per Volevo nascondermi; e a Matilda De Angelis (miglior attrice non protagonista) e Francesco Bentivoglio (miglior attore non protagonista) per L’incredibile storia dell’Isola delle Rose.david-di-donatello-2021-1200x765

Volevo nascondermi, film del regista Giorgio Diritti a fronte di 15 candidature e 7 statuette vinte, tra cui miglior film, miglior regia e il già citato miglior attore protagonista, è la pellicola regina della serata. Lo stesso regista, visibilmente contento ed emozionato, ha riservato parole dolci per il suo capolavoro e per il significato intrinseco che l’opera porta dentro di sé:

Viva il cinema, tutti gli altri finalisti erano grandi film, anche diretti da giovani registi e questo fa ben sperare. Ricordiamoci di Ligabue anche quando incontriamo un clochard che disegna una madonnina. Ricordiamoci del valore di ogni uomo e difendiamolo finché possiamo, in ogni modo.

Si parlava all’inizio dell’articolo di “qualche sorpresa”, come quella inaspettata che consegna a Luca Medici, in arte Checco Zalone il David di Donatello come miglior canzone originale per Immigrato, dal film Tolo Tolo. Una vittoria inaspettata, conquistata sulla splendida Io si (seen), di Laura Pausini, che portava in dote, non solo la vittoria ai Golden Globe, ma anche la candidatura agli Oscar. Al film di Checco Zalone, va anche il già annunciato David dello Spettatore, premio assegnato al film che nella precedente annata ha staccato più biglietti al botteghino.

Altri premi di rilievo, quello come Miglior regista esordiente al figlio d’arte Pietro Castellitto per I predatori; e a Massimo Cantini Parrini vincitore del suo quinto David ai Migliori Costumi, per Miss Marx di Susanna Nicchiarelli.giorgio-diritti

In mattinata si era tenuta al Quirinale, la consueta cerimonia di presentazione alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, della presidente dell’Accademia del cinema Piera Detassis e altri pochi invitati, per lo più candidati e premiati, tra cui Sandra Milo e Diego Abatantuono.

Lo stesso Mattarella, nelle sue parole piene di speranza, di amore verso il cinema e di fiducia nel futuro, ha dichiarato:

Dalla crisi che stiamo vivendo si esce solo con la solidarietà, visione e senso di appartenenza della storia comune», ha sottolineato Mattarella, di cui il cinema è un prezioso bene comune. Un patrimonio da cui ripartire.

Insomma, che dire di più?

Che il cinema è pronto a ripartire, che c’è voglia di riprendere in mano idee, progetti, collaborazioni e dipingere un nuovo cinema, ancora più attento al sociale e alla realtà che lo circonda. Senza dimenticare che, nonostante le numerosissime fatiche di un anno travagliato come il 2020, il nostro cinema è riuscito a tirare fuori dal cilindro pellicole importanti, interpretazioni di livello e professionisti che hanno dato lustro al settore del cinema nazionale. D’altronde la cerimonia di premiazione di ieri sera, così piena di professionalità, così viva e carica di “alto cinema” ne è il più fulgido e chiaro esempio.

 

Ti è piaciuto? Cosa ne pensi? Faccelo sapere nei commenti. Rispondiamo sempre.

SmakNews_Smart_Marketing_logo_SResta aggiornato sulle nostre pubblicazioni e sulle ultime novità dal mondo del marketing e della comunicazione.

Qui, se vuoi, puoi consultare la nostra Privacy Policy

image_pdfimage_print

LEAVE A REPLY

Login with:
Powered by Sociable!