Marketing e gentilezza: due termini che devono andare d’accordo

0
1662
Foto di Helena Lopes da Pexels.

Sentire parlare di marketing e gentilezza ti fa storcere il naso e pensi che essere gentile non convenga ad un’azienda. Allora sappi che nel 2021 è arrivato il momento di cambiare idea dato che:

“Trovarsi insieme è un inizio, restare insieme un progresso, lavorare insieme un successo.” 
Henry Ford

Il marketing del 2021, complice anche la pandemia da COVID-19 vede la gentilezza non come un segno di debolezza e accondiscendenza, ma come una filosofia di vita e una forma di cultura. Cosa significa oggi essere gentili?

gentilezza

/gen·ti·léz·za/

sostantivo femminile

1. 1. Cortesia, amabilità.

2. 2. Finezza scevra di affettazione: g. di modi; delicatezza, grazia.

“g. di sentimenti”

 

Essere gentili significa essere equilibrati e sapersi relazionare con gli altri attori del business: clienti, fornitori e dipendenti. Una buona qualità della vita dipende dalla capacità di gestire emozioni e relazioni interpersonali e non esiste una sfera lavorativa fatta solo di compiti da portare a termine e privata della sua componente emotiva, in questo caso della gentilezza.

Diceva sempre Henry Ford “insieme un successo” ed è stato dimostrato che un clima di lavoro basato su un atteggiamento gentile ed empatico è anche più efficiente. Ogni azienda è fatta di persone e la chiave del successo è l’equilibrio psico-fisico di tutte le parti coinvolte, lavorando al fare squadra per raggiungere gli obiettivi aziendali.

Scopri il nuovo numero: “Le 4 Virtù cardinali del Marketing”

Pazienza, Perseveranza, Sostenibilità e Gentilezza, sono le 4 virtù cardinali del marketing che vi proponiamo. In un mondo dominato dalla tecnica e dalla velocità, queste virtù ci permettono di non sbagliare la rotta (o magari di ritrovarla se smarrita) e di indirizzare correttamente le nostre azioni.

Gentilezza e marketing: il caso di Svizzera e Norvegia

A confermare l’importanza della gentilezza nel clima di lavoro ci sono due Paesi come Norvegia e Svizzera, che hanno un welfare da primato e che sono conosciuti come i Paesi più felici secondo l’indice globale di prosperità pubblicato dal Legatum Institute di Londra. L’Italia, per fare un paragone, è al 37° posto.

Tuttavia, il nuovo modello people oriented si sta diffondendo anche da noi e sempre più aziende italiane scelgono di affidarsi a veri professionisti della gentilezza e business coach per ridefinire il loro approccio ai rapporti interpersonali. Il motivo? Studi e ricerche, ma anche l’esperienza delle aziende più innovative, dimostrano che la gentilezza migliora il rapporto con clienti e fornitori e genera fiducia.

Continuando con le frasi celebri, Seth Godin afferma: Non trovate clienti per i vostri prodotti; trovate prodotti per vostri clienti.”

Foto di Lisa da Pexels.
Foto di Lisa da Pexels.

Neuromarketing e marketing gentile

Oggi a fare la differenza sul mercato è l’esperienza di acquisto del consumatore, che permette di differenziare la propria azienda dai competitor. Gli specialisti di marketing conoscono l’importanza di rendere il cliente protagonista della storia dell’azienda e il neuromarketing ha mostrato come i consumatori siano influenzati dalle emozioni e dalle percezioni sensoriali.

Uno Studio dell’Università di Harvard ha evidenziato come il 90% dei processi decisionali sia inconscio e quindi influenzabile con strategie mirate e sfruttando tutti i canali sensoriali per concretizzare il messaggio da trasmettere.

Fare marketing gentile ed essere gentile nel business significa investire nelle relazioni, ma soprattutto costruire e alimentare un rapporto di fiducia e stima reciproca con clienti e fornitori. Le persone che hanno un’esperienza positiva con la vostra azienda sono il reale vantaggio competitivo per il business.

Concludendo ancora con una frase famosa, John Jants afferma: “Un cliente contento è il più potente bene che la vostra organizzazione può sfruttare.”

Vi lascio con un libro “Il potere della gentilezza” di Franck Martin, che affronta i meccanismi della crisi che oggi imperversa nelle relazioni umane e, suggerendo sedici regole d’oro, porta a ripristinare il circolo virtuoso del rispetto e della fiducia. Buona lettura!

 

Ti è piaciuto? Cosa ne pensi? Faccelo sapere nei commenti. Rispondiamo sempre.

SmakNews_Smart_Marketing_logo_SResta aggiornato sulle nostre pubblicazioni e sulle ultime novità dal mondo del marketing e della comunicazione.

Hai letto fino qui? Allora questi contenuti devono essere davvero interessanti!

Iscriviti per restare in contatto con Smart Marketing. Senza perderti nulla!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.