ivan-zorico-01-minStrana estate questa.

Sembra passato un secolo ma, come ricorderete, a maggio dibattevamo sull’opportunità di mettere il plexiglas in spiaggia o tra i tavoli dei ristoranti per rispettare il distanziamento sociale. Per fortuna niente di tutto ciò è avvenuto e, con le dovute cautele e precauzioni, abbiamo comunque avuto la possibilità di vivere un’estate tutto sommato serena.

Certo quella del 2020 non è un’estate come le altre (e per tutta una serie di ragioni anche molto serie), ma non significa per forza che debba essere meno bella. Certo tutti avevamo tanti progetti e cose da voler fare, ma abbiamo avuto anche tempo e modo per rivederli e per trovare nuove soluzioni. Come sempre, stare lì a pensare a quello che avrebbe potuto essere non porta a nulla, più conveniente è invece applicarci per cogliere il meglio che abbiamo a disposizione. Ed è personalmente quello che ho fatto.

Io non vivo né nel mio passato, né nel mio futuro. Possiedo soltanto il presente, ed è il presente che mi interessa. Paulo Coelho

Non so voi, ma dopo quei mesi chiusi in casa, avevo bisogno di aria aperta, di sport aerobico, di spazio e di luce. Tutte cose per le quali non servono capitali da investire. L’estate, soprattutto nella nostra Italia, ce le mette puntualmente e gratuitamente a disposizione.
Dite la verità: ce ne siamo mai davvero accorti?

Ho assaporato il piacere dell’essenza, della gratitudine per un tramonto sul mare, dell’emozione per familiari e amici rivisti dopo tanto tempo.
Dite la verità: avete provato le medesime sensazioni anche nelle scorse estati?

Scopri il nuovo numero: Turista per Covid

Com’è cambiato il turismo al tempo del Covid? E soprattutto, come sono cambiate le abitudini dei turisti?

Ho corso all’alba, ho camminato (P.S. se passate dalla Puglia vi consiglio questo percorso: Cammino del Salento), ho ascoltato il respiro, ho riso di cuore e con il cuore.
Dite la verità: avete mai vissuto queste esperienze?

Sentiero del Cammino del Salento

Dico la verità: no, no e ancora no. O meglio, mai con l’intensità di questa estate.

Avevo progetti diversi per questa estate; nei programmi questa era l’estate delle isole greche. Dico ancora la verità, non mi dispiace neanche un po’ non esserci andato. Se è vero che un turista viaggia per scoprire cose nuove, posso essere più che soddisfatto: ne ho scoperte di bellissime.

Buona lettura,

Ivan Zorico

Ti è piaciuto? Hai qualche considerazione in merito? Fammelo sapere nei commenti. Rispondo sempre.
Se vuoi rimanere in contatto con me questo è il link giusto: www.linkedin.com/in/ivanzorico

SmakNews_Smart_Marketing_logo_SResta aggiornato sulle nostre pubblicazioni e sulle ultime novità dal mondo del marketing e della comunicazione.

Qui, se vuoi, puoi consultare la nostra Privacy Policy

image_pdfimage_print
SHARE
Previous articleTurista per Covid – L’editoriale di Raffaello Castellano
Next articleLa Copertina d’Artista – Turista per Covid
Laureato in Informazione e Sistemi Editoriali presso l’Università degli Studi di Bari presso la quale ha conseguito anche il Master di I livello in Comunicazione Sociale e Sanitaria. Cura le relazioni con i media, con gli operatori dell’informazione e con i clienti per diverse realtà produttive ed ha ideato ed organizzato eventi culturali seguendone la promozione. Ha esperienza nel campo della formazione come docente, nell’area della comunicazione e del marketing, e come coordinatore. Oggi è editore e responsabile di redazione del Mensile “Smart Marketing”.

LEAVE A REPLY

Login with:
Powered by Sociable!