Moda in Italy – L’editoriale di Ivan Zorico

0
322

ivan-zorico-01-min“Oh, ma certo, ho capito: tu pensi che questo non abbia nulla a che vedere con te. Tu apri il tuo armadio e scegli, non lo so, quel maglioncino azzurro infeltrito per esempio, perché vuoi gridare al mondo che ti prendi troppo sul serio per curarti di cosa ti metti addosso, ma quello che non sai è che quel maglioncino non è semplicemente azzurro, non è turchese, non è lapis, è effettivamente ceruleo, e sei anche allegramente inconsapevole del fatto che nel 2002 Oscar de la Renta ha realizzato una collezione di gonne cerulee e poi è stato Yves Saint Laurent se non sbaglio a proporre delle giacche militari color ceruleo. […] E poi il ceruleo è rapidamente comparso nelle collezioni di otto diversi stilisti. Dopodiché è arrivato a poco a poco nei grandi magazzini e alla fine si è infiltrato in qualche tragico angolo casual, dove tu evidentemente l’hai pescato nel cesto delle occasioni. Tuttavia quell’azzurro rappresenta milioni di dollari e innumerevoli posti di lavoro, e siamo al limite del comico quando penso che tu sia convinta di aver fatto una scelta fuori dalle proposte della moda quindi in effetti indossi un golfino che è stato selezionato per te dalle persone qui presenti… in mezzo a una pila di roba”.
(Dal film “Il diavolo veste Prada”)

Quella qui sopra proposta è forse una delle scene più note e citate de Il diavolo veste Prada; un film del 2006, tratto dall’omonimo romanzo di Lauren Weisberger e diretto da David Frankel. In questa scena e in questi dialoghi tra Miranda (Meryl Streep) e Andy (Anne Hathaway), prenda forma quel retro pensiero che vede la moda accostata all’effimero ed al futile. Retro pensiero che Miranda smonta, con tono risoluto, compiendo un esercizio di verità.

Senza nasconderci dietro ad un dito, a tutti sarà capitato almeno una volta di pensare che la moda, in fin dei conti, sia qualcosa di a noi distante. Che, in fin dei conti, attiene al superfluo e che, la sua rilevanza, sia oltremodo sopravvalutata.

Niente di più sbagliato.

Studiando la storia della moda, ad esempio, si possono meglio capire ed approfondire non solo gli usi e costumi che hanno segnato una determinata epoca storica, ma anche dare maggiori significati alle evoluzioni politiche, sociali ed economiche.

Parlando di economia, e quindi di numeri, di certo non possiamo, ancora una volta, avvallare l’idea che la moda sia qualcosa di poca importanza. E se guardiamo al solo comparto della moda italiano, non possiamo che confermarlo.

Scopri il nuovo numero: Moda in Italy

Nel 2017, il sistema moda italiano, presentava un fatturato di €70,4 mld, equivalente all’1,3% del Pil nazionale; negli ultimi cinque anni sono aumentati il fatturato aggregato (+28,9%) e l’occupazione (+19,7%), con una crescita media delle vendite che si attesta al +6,6% annuo. Nello specifico l’abbigliamento rappresenta il 40,5% dei ricavi totali, seguito dal 20,9% della pelletteria e dal 16,2% dell’occhialeria. Un forte impulso è dato dalla gioielleria, con un tasso di crescita media annua pari al +13,3%. (Fonte dati: “Il Focus Moda” a cura dell’Area Studi di MedioBanca).

Come già ci ricordava Miranda, dietro la moda ci sono numeri che supportano la creazione di posti di lavoro e investimenti. Sarebbe bene ricordarcene quando, magari con la medesima leggerezza mostrata da Andy, saremo tentati di emettere un giudizio affrettato e critico sulla moda. Farlo, sarebbe al limite del comico (cit.).

Buona lettura.

Ivan Zorico

Ti è piaciuto? Fammelo sapere nei commenti. Rispondo sempre.
Se vuoi rimanere in contatto con me questo è il link giusto: www.linkedin.com/in/ivanzorico

Resta aggiornato sulle nostre pubblicazioni e sulle ultime novità dal mondo del marketing e della comunicazione.

Stai tranquillo, anche noi odiamo lo spam!
Da noi riceverai SOLO UNA EMAIL AL MESE, in concomitanza con l’uscita del nuovo numero del mensile.

Qui, se vuoi, puoi consultare la nostra Privacy Policy

image_pdfimage_print
SHARE
Previous articleModa in Italy – L’editoriale Raffaello Castellano
Next articleLa Copertina d’Artista – Moda in Italy
Laureato in Informazione e Sistemi Editoriali presso l’Università degli Studi di Bari presso la quale ha conseguito anche il Master di I livello in Comunicazione Sociale e Sanitaria. Cura le relazioni con i media, con gli operatori dell’informazione e con i clienti per diverse realtà produttive ed ha ideato ed organizzato eventi culturali seguendone la promozione. Ha esperienza nel campo della formazione come docente, nell’area della comunicazione e del marketing, e come coordinatore. Oggi è editore e responsabile di redazione del Mensile “Smart Marketing”.

LEAVE A REPLY

Login with:
Powered by Sociable!