Guardi un video su YouTube, ti imbatti in un post su LinkedIn, poi passi a guardare una card su Instagram. Dopo qualche giorno, entri nel suo profilo/bio e cerchi maggiori informazioni. Googloli un po’ e scopri chi è e cosa fa. La sua comunicazione è chiara, ogni tanto inserisce qualche nota simpatica; ti ci ritrovi. È interessante, è utile e ti dà quelle notizie, quegli approfondimenti che ti appassionano o “semplicemente” ti fa riflettere o sorridere (o anche le due cose assieme). Ed ecco fatto, nel giro di qualche giorno, sei diventato un suo nuovo follower. Sembra una formula facile da seguire, vero?

Questa formula ha due elementi principali: contenuti e periodicità.

Contenuti.

Sono i contenuti che hai fruito su YouTube, LinkedIn o Instagram (per tornare all’esempio iniziale) che ti hanno fatto scattare la scintilla dell’interessamento. L’hai potuto trovare attraverso una ricerca spontanea (d’altronde YouTube è il secondo motore di ricerca più usato), gli algoritmi te lo avranno proposto in base ai tuoi interessi o ancora te l’avrà consigliato qualcuno. Poco importa. Il momento di contatto (la chiamata a freddo si sarebbe detto una volta) l’hai avuto fruendo un contenuto.

Periodicità.

Poi lo stesso giorno, o l’indomani, ritrovi lo stesso creator su di un’altra piattaforma, e un altro giorno ancora ti ritrovi a leggere un suo articolo sul suo blog. E così per giorni e settimane. Condivide spunti interessanti, alcuni giorni più indovinati, altri meno, ma c’è sempre, o almeno spesso. Ormai te l’aspetti. E così si crea una relazione. Un rapporto di fiducia.

Questa apparente semplice formula, può essere utilizzata da brand, content creator, liberi professionisti e da chiunque voglia lavorare sul proprio personal brand. E come detto sembra semplice, ma non lo è affatto. Dapprima i contenuti devono essere di valore, interessanti e utili (che non significa essere noiosi, tutt’altro). Successivamente è necessario essere costanti nel tempo. Bisogna creare un’abitudine in chi fruisce i tuoi contenuti e un senso di attesa. Attesa che non andrà mai delusa. In questo modo risulterai memorabile.

Come vedi proprio facile non è. Ma se riuscirai a trovare la giusta combinazione tra questi due elementi, otterrai enormi risultati. “Provare per credere”, come diceva una famosa pubblicità.

Ti è piaciuto? Hai qualche riflessione da condividere? Fammelo sapere nei commenti. Rispondo sempre.
Rimaniamo in contatto: www.linkedin.com/in/ivanzorico

SmakNews_Smart_Marketing_logo_SResta aggiornato sulle nostre pubblicazioni e sulle ultime novità dal mondo del marketing e della comunicazione.

Qui, se vuoi, puoi consultare la nostra Privacy Policy

image_pdfimage_print

LEAVE A REPLY

Login with:
Powered by Sociable!