Un mondo alieno si schiude davanti ai nostri occhi. È un pianeta popolato da strane creature tentacolate, il cielo è sormontato da pianeti e satelliti artificiali, sullo sfondo riconosciamo le sagome di costruzioni ed edifici dalle forme geometriche. La forza immaginativa e la visionarietà della scena sembrano scaturite delle fervide fantasie di grandi scrittori della fantascienza come Philip José Farmer o Fritz Leiber, tradotti in immagini da artisti visionari come Moebius o Karel Thole.

Ma, a ben vedere, non siamo proprio sicuri che si tratti di un mondo alieno, i satelliti artificiali sembrano terrestri, le costruzioni e i tralicci fabbricati umani, quello che continua a sembrarci profondamente alieno sono gli strani abitanti che di umano hanno ben poco. Sono creature simili a enormi e grassi polipi, con quelli che sembrano essere i loro cuori che paiono avvizziti e con strane ed enormi teste, dove spiccano occhi e bocche che sono state entrambi cuciti. Ma la cosa più strana di tutte che ci fa capire che anche questi strani mostri sono, alla fine, umani è che dalle sommità delle loro teste spunta una sim card come quella dei cellullari che, una volta riconosciuta, dà un senso tutto nuovo alla nostra interpretazione.

La Copertina d'Artista - Tutto è Comunicazione
La Copertina d’Artista – Tutto è Comunicazione

Quello che l’artista di questo mese, al secolo Vincenzo Maraglino, ci mostra è una possibile evoluzione del genere umano. Siamo diventati pingui molluschi con bocche ed occhi cuciti, quindi non vediamo né comunichiamo più direttamente con l’altro, abbiamo sviluppato dei tentacoli perché oramai non sentivamo più il bisogno di una mano con cinque dita, visto che l’attività principale che svolgiamo è quella di sfiorare le icone dei nostri smartphone. Inoltre, come in un film di David Cronenberg, abbiamo inglobato totalmente i nostri device elettronici, i post umani dipinti dal Maraglino si sono fusi con la tecnologia che tanto amavano diventando di fatto degli organismi bio-tecnologici; anche se i cuori rinsecchiti stanno lì a dirci che sono (e siamo) sempre più macchine che uomini. Insomma, il futuro prospettatoci dal nostro artista appare cupo, orrifico e allucinante, ed il titolo scelto, “Atrofizzati”, spazza via ogni nostro residuo dubbio.

Ma allora è davvero questo il nostro futuro? Davvero diventeremo dei mostri incapaci di comunicare se non attraverso i nostri apparecchi elettronici? La profezia del Maraglino si sta già, in parte, avverando ma, conoscendo l’artista, il suo stile e la sua ricerca, credo che l’immagine sia più un monito che una sentenza. Il nostro arista vuole scuoterci e per farlo ci ha dipinto un’immagine forte e disturbante, concentrandola in una forma potente e ammantandola in una luce brillante.

Scopri il numero: “Tutto è Comunicazione”

Guardando l’opera di Vincenzo Maraglino dobbiamo concordare con il famoso writer Banksy quando scrisse: “L’arte deve confortare il disturbato e disturbare il comodo”.

Vincenzo Maraglino, classe 1982, pugliese, nato a Massafra in provincia di Taranto, artista, scenografo e grafico, ha già illustrato una copertina del nostro magazine nel novembre del 2015. La sua ricerca artistica parte dalle tradizioni folcloristiche e popolari della sua terra che cerca di tradurre in opere, grafiche ed istallazioni dal forte impatto cromatico. Il suo stile mischia con leggerezza e maestria il pop, il fumetto, il figurativo e l’astratto, confezionando opere originali e fortemente riconoscibili. La sua è un’arte dalle sane valenze etiche e sociali, i suoi interventi sono quasi sempre delle dichiarazioni e delle denunce delle storture e delle aberrazioni del mondo, come anche questa copertina sta a dimostrare.

 

Ultime mostre:

2017

XXXII Trofeo Città di Lecce Fondazione Palmieri, Lecce;

2015/2016

Rassegna d’arte contemporanea itinerante – News-Cover. “Immagini, notizie  e   visioni  ai tempi dell’ lnfotainment”, a cura dell’Associazione Culturale “Smart Media” – Taranto, Momart Gallery – Matera, Auditorium Sant’Andrea degli armeni -Taranto, Laboratorio Urbano Mediterraneo – San Giorgio Jonico (TA), Laboratorio Urbano – San Marzano di S.G. (TA), Catalogo: News Cover 2016;

2015

Esposizione Collezione Privata “Smart in the City”, a cura di Barter srl, ex Chiesa San Carpoforo, Milano;

Mostra personale “Martyrium”, Pro Loco Città di Massafra, Galleria della Società Operaia di Mutuo soccorso”, Massafra (TA);

Esposizione di opere digitali “Book – Una lettura per immagini”, Assessorato alla Cultura e Associazionismo- Massafra (TA);

5°Rassegna d’Arte Contemporanea, a cura di Daniel Buso, Cà dei Carraresi, Treviso;

4° Rassegna d’Arte Contemporanea, a cura di Matteo Favaro, Comdata S.p.a. Lecce (Le), Catalogo: Comd’arte 2015.

Ti è piaciuto? Cosa ne pensi? Faccelo sapere nei commenti. Rispondiamo sempre. 

Resta aggiornato sulle nostre pubblicazioni e sulle ultime novità dal mondo del marketing e della comunicazione.

Stai tranquillo, anche noi odiamo lo spam!
Da noi riceverai SOLO UNA EMAIL AL MESE, in concomitanza con l’uscita del nuovo numero del mensile.

Qui, se vuoi, puoi consultare la nostra Privacy Policy

image_pdfimage_print

LEAVE A REPLY

Login with:
Powered by Sociable!