Guida all’uso di LinkedIn, insegnamenti, consigli e filosofia di una vera professionista: intervista a Pamela Nerattini

Smart Marketing è felice di essere media partner di “Cavalieri digitali”, l’evento di formazione dedicato al digital marketing più importante e intenso del sud Italia, che si terrà il 23 e 24 Settembre all’Hotel Mulino a Capo d'Orlando (ME) in Sicilia.

0
142

“LinkedIn è un posto dove dobbiamo stare bene, lo dico sempre nei miei interventi: iniziate a vedere LinkedIn come la risposta a tutte le vostre domande!”.

É con questa affermazione, quasi sorprendente, che si è conclusa la nostra bella intervista con Pamela Nerattini, LinkedIn trainer, speaker, autrice, podcaster, business Coach ACSTH e facilitatrice LEGO® SERIOUS PLAY®, che io ed il mio immancabile socio ed amico Ivan Zorico abbiamo realizzato live lo scorso 16 di Agosto (sì, avete letto bene!).

Pamela Nerattini era appena rientrata dalle vacanze e si rituffava nel lavoro, partecipando ad una nostra live di “Incontri ravvicinati – Summer edition” che abbiamo realizzato in qualità di media partner per l’evento “Cavalieri Digitali”, che si svolgerà il 23 e 24 Settembre, all’Hotel Mulino a Capo d’Orlando (ME) in Sicilia.

Come al solito, più che di un’intervista si è trattato di una piacevole, e al contempo istruttiva, chiacchierata sulle potenzialità di LinkedIn per il nostro personal brand, per il nostro business e per il networking.

Nell'immagine, un momento di formazione dell'edizione 2020 dell'Evento Cavalieri Digitali - Smart Marketing
Un momento di formazione dell’edizione 2020 dell’Evento Cavalieri Digitali.
Pamela Nerattini è partita dai fondamentali, dalle basi, che spesso, proprio perché diamo per assodate, sono le prime che trascuriamo.

“Prima di aprire un profilo su LinkedIn – ci ha spiegato – le prime domande che devo pormi sono: qual è il mio obiettivo? E come voglio farmi percepire?”, che sono due domande molto meno scontate di quello che appaiono, perchè LinkedIn è una piattaforma professionale dove non sto tanto per stare, ma perchè ho un piano ed una strategia.

La LinkedIn trainer ci ha poi spiegato per prima cosa che “la parte delle informazioni è importantissima” e che bisogna scrivere le stesse in prima persona e non in terza persona singolare; poi ha continuato parlando dell’importanza della “foto profilo” e delle informazioni “in Primo Piano” che dovrebbero servirci per mostrare il meglio di noi: un articolo/post importante, o che è andato bene, oppure il collegamento ad un altro social network, od ancora l’ultimo attestato che dimostri il nostro desiderio di aggiornamento professionale continuo; ha finito dandoci alcuni suggerimenti sulla sezione “interessi e volontariato”, che è sempre più importante, perché non solo ci identifica meglio come persone e professionisti, ma anche perché è tenuta sempre più in considerazione dai reclutatori e responsabili di HR.

L’intervista è proseguita con vari suggerimenti e chicche per utilizzare al meglio le potenzialità della piattaforma, spiegando, ad esempio, che in questo momento storico l’algoritmo di LinkedIn sembra premiare contenuti come i caroselli (con mini guide in PDF scaricabili) e i sondaggi, mentre fino a qualche anno fa erano i video a farla da padrone.

La piacevole chiacchierata estiva si è rivelata super-interessante ed istruttiva, anzi formativa, perché Pamela Nerattini non si è risparmiata ed anzi ha risposto con entusiasmo e competenza alla sfilza di domande che io ed Ivan le abbiamo rivolto.

Ma se per scoprire tutti i suggerimenti e consigli che ci ha dato basterà guardarsi il video della diretta, quello che mi preme evidenziare qui è la filosofia che guida questa professionista all’uso di LinkedIn: la Nerattini ci ha spiegato che LinkedIn è il 3° motore di ricerca più usato e che è “una piattaforma di confronto e di aggiornamento, dove ho la possibilità di parlare ed interagire con persone che ne sanno molto più di me” e che anzi sono al vertice nella loro categoria di riferimento.

LinkedIn è un social network dove posso formarmi ed informarmi, stando quasi sicuro che la maggior parte dei professionisti presenti riflettano e ponderino accuratamente ogni contenuto prima di pubblicarlo, visto che la reputazione personale qui, più che altrove, è ancora più importante.

Inoltre, ha posto l’accento sul darsi il tempo giusto prima di arrendersi, perché LinkedIn è un percorso lento: “non è i 100 metri piani ma è la maratona!”, e che richiede lavoro e dedizione ricordando che “all’inizio del mio lavoro su LinkedIn dedicavo almeno 4 ore a giorno al social, fra contenuti, scrittura, inviti, rapporti con la rete, etc.”.

Infine Pamela Nerattini ci ha detto una delle cose meno scontate e fondamentali che io abbia mai sentito in riferimento a questo social: “la motivazione migliore di stare su questa piattaforma è quella di “dare” un valore, non quello di “prendere”: divulgare, formare ed informare gli altri utenti è la strada migliore per farsi notare e venire apprezzati”.

Dare, invece di prendere: un insegnamento semplice, profondo, quasi zen, eppure è qualcosa che troppo spesso non facciamo; allora forse LinkedIn, più di altri social, è il posto giusto dove esercitare la “cultura del dono”, non preoccupandoci solamente di come appariamo, ma di quale apporto vogliamo dare al mondo.

Parafrasando Erich Fromm, potremmo dire che anche su LinkedIn la domanda fondamentale è: “avere o essere?”.

pamela-serena-nerattiniPamela Serena Nerattini è Consulente e Formatrice LinkedIn e Comunicazione, speaker e autrice, podcaster (Araba Fenice), Business Coach ACSTH, Facilitatrice LEGO® SERIOUS PLAY® e Business Agility.

Per contattare Pamela Nerattinilinkedin.com/in/psnerattini

Il suo intervento “Profilo VS. Pagina LinkedIn” si terrà nell’evento “Cavalieri Digitali”, alle ore 14:30 di venerdì 23 Settembre 2022.

Info e prenotazioni sull’Evento “Cavalieri Digitali” clicca qui!

 

 

 Ti è piaciuto? Cosa ne pensi? Faccelo sapere nei commenti. Rispondiamo sempre.

SmakNews_Smart_Marketing_logo_SResta aggiornato sulle nostre pubblicazioni e sulle ultime novità dal mondo del marketing e della comunicazione.

Qui, se vuoi, puoi consultare la nostra Privacy Policy

image_pdfimage_print

LEAVE A REPLY

Login with:
Powered by Sociable!