Gravity – Il film

0
110
Stazione Orbitante - Novembre 2007
Stazione Orbitante Credit: NASA Photos: Supplied by Ken Christopher, San Francisco – Licenza CC BY 2.0

Raffaello Castellano (117)

 

 

Molti lo hanno scordato, ma sono quasi sessant’anni che inviamo vari oggetti nello spazio fra sonde, shuttle, razzi, satelliti vari e telescopi spaziali. Il primo oggetto inviato nello spazio, infatti, il satellite russo

Movie Poster "Gravity" - Ottobre 2013 - Warner Bros Picture
Movie Poster “Gravity” – Ottobre 2013 – Warner Bros Picture

Sputnik 1, fu lanciato in orbita nel 1957. Nei successivi 55 anni, cioè fino al 2012, ci sono state 4500 missioni spaziali che hanno depositato nello spazio milioni di detriti e rifiuti spaziali, fra satelliti ormai esauriti, gli stadi dei vari razzi, e rottami ed altro materiale di risulta delle missioni stesse. Il recente film di Alfonso Cuaròn, Gravity, con Sandra Bullock e George Clooney, vincitore di ben 7 Oscar, tra cui quello di miglior regia, miglior fotografia e migliori effetti speciali, prende le mosse proprio da questo, da un incidente spaziale con successiva tempesta spaziale di detriti che investe l’equipaggio di uno shuttle al lavoro sul Telescopio Spaziale Hubble. La protagonista, l’ingegnere biomedico Ryan Stone (Sandra Bullock), e l’astronauta Matt Kowalsky (George Clooney) sono gli unici sopravvissuti ed il viaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale che compiono sarà irto di pericoli e difficoltà.

Il film, che in alcune scene fa esplicito riferimento a “2001 Odissea nello Spazio” di Stanley Kubrick, propone una visione dello spazio che fa continuamente la spola fra un punto di vista filosofico esistenziale ed uno più prosaico e che vede nello spazio una terra di conquista, riproponendo una ennesima versione dell’American Dream. I protagonisti si battono con tutta la propria forza ed intelligenza per sconfiggere uno spazio “alieno” che di colpo diviene ancora più ostile, freddo e fatale, attingendo a tutta quella tecnologia che il progresso ha messo loro a disposizione. Il film è una sorta di Cast Away in salsa spaziale. Anche qui abbiamo dei naufraghi alla deriva, anche se questo mare è infinito e siderale. Anche qui abbiamo la natura che è nemica dell’uomo, anche se in questo caso si tratta di una natura extraterrestre. Anche qui abbiamo un viaggio da compiere, prima ancora che nello spazio profondo, all’interno di noi stessi per riconciliarci, prima di tutto, con il nostro vuoto interiore, per poter poi affrontare quello esteriore.

Per quello che riguarda gli argomenti che interessano noi di Smart

Stazione Orbitante - Novembre 2007
Stazione Orbitante
Credit: NASA Photos: Supplied by Ken Christopher, San Francisco – Licenza CC BY 2.0

Marketing, il film pone l’accento su una delle sfide più importanti che attengono al comparto aerospaziale; infatti l’azienda che riuscirà a risolvere il problema della spazzatura spaziale, e che potrebbe essere una del distretto pugliese, sarà quella che risolverà uno dei principali problemi che riguardano il nostro futuro.

Perché questi toni catastrofistici? Pensiamoci un attimo, e mentre lo facciamo guardiamoci intorno nelle nostre case e, magari, svuotiamoci le tasche: intorno a noi vedremo un computer, la tv satellitare, nelle nostre tasche troveremo il cellulare, nella nostra macchina troveremo il GPS. Beh, tutti questi oggetti sono dipendenti, in qualche maniera, dai satelliti che orbitano sulle nostre teste che, diventando sempre più numerosi, rischiano di collidere fra loro, causando dei black out in aree molto vaste della Terra.

La domanda non è se succederà, ma quando succederà. E noi saremo pronti o no?

 

 

image_pdfimage_print
SHARE
Previous articleSocial Media e Profondo Spazio
Next articleSussidiarietà e modelli organizzativi per lo sviluppo locale
Giornalista, Esperto di Marketing Culturale ed Esperto di Linguaggi Audiovisivi. Dal 2009 collabora con diverse testate giornalistiche locali come i settimanali Extra Magazine e La Voce di Massafra. Dal 1997 animatore culturale per diverse associazioni del territorio jonico, organizzatore di eventi, fundraiser e responsabile delle pubbliche relazioni. Dall'Ottobre 2014 è responsabile e coordinatore per conto dell’associazione ACSI di Taranto, del Laboratorio Urbano MEDITERRANEO di San Giorgio Jonico, uno spazio polivalente destinato alla formazione ed ad ospitare eventi e manifestazioni culturali. Dal Marzo del 2014 è direttore responsabile del magazine on line “Smart Marketing – Mensile di Comunicazione, Marketing e Social Media”.

LEAVE A REPLY

Login with:
Powered by Sociable!