Editoriale N° 5 – Raffaello Castellano

0
41

Raffaello Castellano (114)

 

 

Raffaello CastellanoAgenda Italia, i 1000 giorni del governo Renzi, Italiani di domani – 8 porte sul futuro (Beppe Severgnini), Idee per il futuro dell’umanità (Daisaku Ikeda), Un’idea di felicità (Carlo Petrini e Luis Sepùlveda): sembra che tutti in Italia, e non solo, abbiano una qualche idea, espressa quasi sempre attraverso un numero più o meno grande o piccolo, per far ripartire questo Paese ed il mondo in generale. Due sembrano le strade preferite: 1) tracciare nuovi percorsi e sentieri per giungere alla meta; 2) eliminare gli ostacoli che impediscono di avanzare sulla strada già conosciuta e, in parte, percorsa.A ben vedere, però, la gabbia tematica in cui si vuole rinchiudere le possibili soluzioni alla ripartenza del nostro Paese (percorrere nuove strade o eliminare gli ostacoli sulle strade vecchie) non sono le uniche scelte possibili; una terza via si apre a chi, con coraggio, ma sopratutto con originalità, vuole cambiare le cose. La terza via al futuro è quella di chi, percorrendo strade consuete, vie familiari, sentieri già battuti, riesce a coglierne tutte le possibilità, tutte le opportunità, tutte le possibili suggestioni. Lo aveva già detto il grande poeta Ezra Pound: “Il genio è la capacità di vedere 10 cose là dove l’uomo comune ne vede 1, e l’uomo di talento ne vede al massimo 2 o 3.”
Settembre, si sa, coincide con l’inizio dell’anno commerciale, della scuola, del lavoro dopo le ferie estive, insomma settembre è il classico mese delle ripartenze e dei buoni propositi e, un po’ come a Capodanno, ci si siede al tavolino e si fanno una serie di progetti per il futuro. Proprio per questo noi di Smart Marketing abbiamo chiesto, questo mese, ai nostri collaboratori e redattori di indicare, tracciare, proporre, una delle possibili direttici del futuro prossimo venturo; ed ognuno dal proprio personalissimo punto di vista ha risposto all’appello e messo sul piatto le emergenze o le opportunità che bisogna cogliere o risolvere per far ripartire l’Italia. Ed infatti questo numero di Smart Marketing si chiama appunto #ripartItalia – 12 idee per il futuro, e vuole essere il nostro personalissimo contributo alla discussione politica, sociale ed economica che rimbalza su tutti i media in questo particolare momento storico.
Jessica Palese ci propone due vie già battute, ma che in Italia sono ancora due mulattiere, quando invece potrebbero essere due autostrade: #crowdfunding e #sharingeconomy. Christian Zorico, dal canto suo, ci parla dei nuovi ambiti della #ricerca tecnologica a livello internazionale, che vede l’Italia in un ruolo da protagonista. Il nostro Direttore Editoriale Ivan Zorico si sofferma sulle possibilità che l’inserimento nel mondo del lavoro di quei giovani appartenenti ai cosiddetti #natividigitali possa iniettare nuova linfa ed entusiasmo in quelle imprese medie e piccole che, benché rappresentino il vero traino del paese, restano pericolosamente ancorate a modelli produttivi ed organizzativi vecchi ed obsoleti. Inoltre, sempre lui ci racconta di come,logo-smarknews-quadrato-e-sito risolvendo il problema della mancanza di #legalità, l’Italia potrebbe riguadagnare una credibilità internazionale che sembra tristemente smarrita. Infine, nel suo terzo contributo, dove recensisce il film “Si può fare del 2008″ di Giulio Manfredonia (una storia surreale e sorprendente, ma ispirata ad eventi reali) ancora Ivan ci spiega come l’#autostima sia fondamentale per la realizzazione personale. Armando De Vincentiis ci parla di #problemsolving e ci spiega, con il consueto acume, come spesso e volentieri le tentate soluzioni non fanno che rafforzare e reiterare il problema. Anche questo mese, come il precedente, ospitiamo il contributo di un collaboratore esterno, Diego Durante, esperto di economia e marketing, che nel suo articolo sulle #startup ci spiega come questo modello di sviluppo possa essere, se implementato, un valido strumento per superare la crisi. Anche il sottoscritto propone questo mese 3 + 1 idee per il futuro, tutte legate dal filo rosso della cultura come volano di ripresa. Nella rubrica libri mi soffermo su due letture estive davvero illuminanti, “Bolli, bolli, fortissimamente bolli”, il libro di Gian Antonio Stella che parla di come la #burocrazia sia forse il freno e l’ostacolo più grande che il Paese deve eliminare per ripartire. Il bellissimo libro di Chiara Gamberale Per dieci minuti ci parla di come si possa #giocarepercambiare, smuovendoci da quella sensazione di torpore e depressione nei quali la vita alle volte ci precipita, attraverso un approccio non convenzionale alla propria condizione materiale, esistenziale, emozionale. La recensione del film di questo mese riguarda invece una pellicola recente del regista Cameron Crow: “La mia vita è uno Zoo”, una storia “vera” di improvvise frenate e rovinose cadute, ma pure di #perseveranza, slanci creativi ed originalissime ripartenze, oltre che uno straordinario esempio di come, alle volte, la realtà superi ogni fantasia. Nel mio ultimo articolo sul #marketingculturale, affronto quello che io credo sia un nodo cruciale dello sviluppo del nostro Paese, la cultura e le maniere innovative e non convenzionali di salvaguardarla, promuoverla e, perchè no, “sfruttarla” per fare nuovamente di questa Italia il Giardino d’Europa.
Auguro a tutti voi una buona lettura ed un’ottima ripartenza!

Raffaello Castellano

image_pdfimage_print
SHARE
Previous articleEditoriale N° 5 – Ivan Zorico
Next articleIl lavoro? Un gioco per ragazzi!
Giornalista, Esperto di Marketing Culturale ed Esperto di Linguaggi Audiovisivi. Dal 2009 collabora con diverse testate giornalistiche locali come i settimanali Extra Magazine e La Voce di Massafra. Dal 1997 animatore culturale per diverse associazioni del territorio jonico, organizzatore di eventi, fundraiser e responsabile delle pubbliche relazioni. Dall'Ottobre 2014 è responsabile e coordinatore per conto dell’associazione ACSI di Taranto, del Laboratorio Urbano MEDITERRANEO di San Giorgio Jonico, uno spazio polivalente destinato alla formazione ed ad ospitare eventi e manifestazioni culturali. Dal Marzo del 2014 è direttore responsabile del magazine on line “Smart Marketing – Mensile di Comunicazione, Marketing e Social Media”.

LEAVE A REPLY

Login with:
Powered by Sociable!