Editoriale Agosto 2015 – Ivan Zorico

0
913

Ivan Zorico (227)

 

 

 

 

 Ivan ZoricoAgosto è senza dubbio il mese delle vacanze. In questo mese, quasi tutte le grandi aziende prevedono un “fermo” per consentire ai propri dipendenti di godere delle meritate ferie. Le autostrade accolgono fiumi di auto e le spiagge vengono letteralmente prese d’assalto. Le persone riscoprono il loro lato più primordiale lanciandosi alla conquista dell’ultimo lettino disponibile o alla scoperta di uno spicchio di ombra rigenerante.
Insomma, nulla potrebbe impedire ai vacanzieri di vivere dei giorni di relax (anche se solo pochi) e di staccare dalla routine quotidiana.
Secondo un’analisi della Coldiretti/Ixèl’82% degli italiani sceglierà l’Italia per le ferie, ed 1 su 3 rimarrà nella propria regione di appartenenza. Inoltre, si stima che la spesa destinata per le vacanze sarà, per oltre il 90% degli italiani, fino a un massimo di 1000€ a persona, con il più della metà di loro che non supereranno i 500€ di spesa complessiva.
Questo significa che pur rimanendo “vicino casa”, gli italiani non Sagre ed enogastronomiarinunciano a concedersi qualche giorno di sospensione dall’ordinario. E dal momento che un terzo del budget verrà destinato per le spese alimentari (souvenir enogastronomici, pranzi e cene) e che ormai c’è una grande attenzione a tutto ciò che può essere ricondotto alle tradizioni ed al cosiddetto “km 0”, si riesce a spiegare un fenomeno che negli ultimi anni sta vivendo una periodo d’oro: le sagre.
La ricerca di menu locali, di alimenti freschi e genuini  e dei sapori veri, sono tra le motivazioni che portano le persone ad affollare i centri (spesso i piccoli paesi di provincia) che si vestono a festa per Sagra del vino - Carosino (TA)l’occasione ed organizzano degustazioni a tema. Dal pesce alla carne, dagli ortaggi alla frutta, sino ad arrivare alla birra, al vino ed agli immancabili concerti all’aperto che animano le serate estive. C’è veramente una scelta ed un’offerta infinita.
Ed è un fenomeno più social di quanto si possa credere. Se non ne siete convinti andate a controllare sul vostro profilo FB tra gli eventi a cui siete stati invitati. Sarete stupiti di quanti hanno una correlazione con feste e sagre di paese. Per non parlare delle immagini di piatti e prodotti tipici che riempiono le bacheche social di tutti noi, e non solo su Facebook.
Insomma c’è di tutto per dire che oltre all’Expo c’è anche altro da visitare. Expo che comunque conta su una media di 100mila visitatori al giorno e che di recente, come promesso dal sagra_del_vinoCommissario Sala, ha lanciato l’operazione trasparenza con la pubblicazione, ogni lunedì e sul sito ufficiale dell’Esposizione , del numero giornaliero di visitatori. Se poi si pensa che gli stranieri giunti in Italia per visitare L’Esposizione Universale dedicheranno il 67% del loro tempo per recarsi anche altrove, si può subito intuire il motivo per il quale molte sagre sono frequentate proprio da stranieri incuriositi ed affascinati dall’italianità enogastronomica fatta di colori, sapori e sorrisi.

Ivan Zorico

image_pdfimage_print

LEAVE A REPLY

Login with:
Powered by Sociable!