Il MEDIMEX, uno degli eventi più attesi del panorama musicale pugliese e nazionale, il progetto targato Puglia Sounds, il programma della Regione Puglia per lo sviluppo del sistema musicale regionale, quest’anno non affollerà le piazze: al posto degli eventi live, assisteremo ad incontri in streaming e webinar.

Il progetto, nato nel 2011 con una forte vocazione internazionale e pensato itinerante per poter valorizzare ogni angolo della Puglia, quest’anno, giunto alla decima edizione, si sarebbe dovuto svolgere a Taranto e Brindisi ma, alla chiusura dell’edizione 2019 con 80 mila presenze, nessuno avrebbe mai immaginato che l’edizione 2020 sarebbe capitata nel bel mezzo di una pandemia globale, tale da costringere gli organizzatori a rimandarla a data da destinarsi.

Un duro colpo per il comparto musicale a tutti i livelli, nazionale ed internazionale, che ha messo in ginocchio l’intera filiera, ma principalmente la musica dal vivo, la prima a pagare lo scotto del forzato distanziamento sociale.

Foto ufficiali MEDIMEX 2019, su gentile concessione dell’ufficio stampa.
Foto ufficiali MEDIMEX 2019, su gentile concessione dell’ufficio stampa.

I pugliesi, come tutti, hanno incassato il colpo, ma, invece di piangersi addosso, hanno cercato nuove strategie d’approccio e comunicazione che potessero azzerare le distanze e fornire strumenti di ampio respiro per superare la crisi.

In quest’ottica, nasce il piano straordinario d’intervento per la cultura e lo spettacolo della Regione Puglia denominato “Custodiamo la Cultura in Puglia”, con cui l’assessorato all’Industria turistica e culturale mette a disposizione 17 milioni di euro per sostenere gli operatori e le imprese pugliesi nell’emergenza Covid-19, di cui 1,5 milioni sono destinati al rilancio del comparto musicale ed alla realizzazione del MEDIMEX D, la prima music conference internazionale digitale, interamente fruibile on – line.

Il MEDIMEX si è connotato, negli anni, come una manifestazione in costante evoluzione, non meraviglia quindi l’ulteriore salto di paradigma che contraddistingue l’edizione 2020, interamente digitale e che prevede tavoli di confronto su come la crisi modificherà l’industria musicale e la fruizione della musica dal vivo ed in streaming, sulle nuove strategie di comunicazione da utilizzare anche sfruttando la capacità promozionale dei social network, uniti alla possibilità di apprendere strumenti altamente professionalizzanti, grazie a workshop creati ad hoc e destinati ai professionisti del settore, ma senza dimenticare la promozione degli artisti locali.

medimex-d-si-parte-con-un-focus-internazionale-su-covid-e-cambiamento-dellindustria-musicale-1590995388-grande

Come nelle precedenti edizioni, molti saranno gli incontri a tema con gli autori ed operatori del settore, quest’anno rigorosamente live sui canali social ufficiali del MEDIMEX D, da Tommaso Paradiso con Clemente Zard (Vivo Concerti), a Ghemon con Chiara Santoro (Google Italia), da Francesco Sarcina con Claudio Ferrante (Artist First), a Riccardo Zanotti (frontman dei Pinguini Tattici Nucleari) con Andrea Rosi (Sony), per citarne alcuni.

Non sarà invece possibile, quest’anno, fruire dei tanti concerti live, fiore all’occhiello delle precedenti edizioni, catalizzatori ed elemento portante della promozione territoriale e turistica pugliese.

È possibile visionare il programma completo della digital Edition, in onda dal 3 al 21 giugno, sul sito ufficiale del MEDIMEX.

Come ogni anno, Smart Marketing sarà presente per raccontarvi i momenti salienti di questa manifestazione orientata alla promozione culturale come volano di sviluppo territoriale ed esempio a cui ispirarsi.

Ti è piaciuto? Cosa ne pensi? Faccelo sapere nei commenti. Rispondiamo sempre.

SmakNews_Smart_Marketing_logo_SResta aggiornato sulle nostre pubblicazioni e sulle ultime novità dal mondo del marketing e della comunicazione.

Qui, se vuoi, puoi consultare la nostra Privacy Policy

image_pdfimage_print

LEAVE A REPLY

Login with:
Powered by Sociable!