Il Terzo Settore aspetta con entusiasmo l’evento del 2 marzo che verrà ricordato come la sfida epocale che cambierà per sempre il modo di pensare il nonprofit nell’era post Covid-19.

Il mondo del nonprofit ha risposto positivamente con numeri esorbitanti all’evento nonprofit dell’anno che si terrà online il 2 marzo pomeriggio.

Grandi numeri e grandi sponsorLavazza, Unicredit, Dataprosper, Fastweb, Innovaire – che confermano la volontà di sostenere il settore e dare un segno nell’era post Covid 19.

Il Nonprofit Day raccoglie infatti la sfida che scuoterà per sempre tutti noi e il nostro modo di pensare il nonprofit.

immagine1

L’evento è infatti dedicato a tutti i presidenti, consiglieri di amministrazione, leader e persone illuminate a capo delle organizzazioni nonprofit per stravolgerne il modo di pensare e di agire dentro il settore.

“La differenza fondamentale tra nonprofit e profit è l’agilità di capitalizzazione e d’investimento, due cose che nel terzo settore sono ritenute non etiche, ma che in realtà permetterebbero alle organizzazioni di poter aumentare il loro contributo.”
Questa la tesi che verrà discussa da relatori d’eccezione.

Alle 15.00 la relazione di Dan Pallotta, imprenditore, scrittore e attivista umanitario americano, autore del Ted Talk più visto nella storia del nonprofit.

Alle 16.00 la controrelazione di Stefano Zamagni, il più importante economista e garante del nonprofit italiano, inventore delle Onlus, oggi Presidente della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali.

Il professor Valerio Melandri, direttore del Master in Fundraising di Forlì e Fondatore del Festival del Fundraising, insieme a Stefano Malfatti, direttore dell’Associazione Festival del Fundraising, apriranno la giornata alle ore 14.00 introducendo i due super relatori e presentando la XIV edizione del Festival del Fundraising che si terrà a giugno.

Fondamentale sarà l’intervento di 4 big del nonprofit italiano che alle ore 17.00 daranno inizio al Question time:

  • Alessandro Betti, direttore raccolta fondi Fondazione Telethon,
  • Giancarla Pancione, direttore marketing & fundraising Save the Children Italia,
  • Niccolò Contucci, direttore generale Fondazione Airc per la ricerca sul cancro,
  • Elisabetta Soglio, giornalista del Corriere della Sera, responsabile dell’inserto Buone Notizie.

organi_3-minUltimo punto, non certo per importanza, sarà il pubblico collegato online a diventare protagonista del Question time guidato dai 4 big. Infatti sarà possibile a tutti i partecipanti porre domande in chat e prendere parte al dibattito che farà la storia del nonprofit.

A due settimane dall’evento, sembrano esserci tutti i presupposti affinché il Nonprofit Day passi alla storia come lo spartiacque del nonprofit prima e dopo la pandemia e come la sfida epocale che cambierà per sempre la nostra percezione del nonprofit.

Un incontro importante che aiuterà tutto il settore nonprofit a rimettersi in marcia nell’era post Covid 19.

Smart Marketing è felice di essere media partner del Nonprofit Day: l’evento online permetterà di porre le basi per il nuovo modo di pensare il nonprofit e al suo ruolo nel mondo post Covid-19.

Contatti

Per ulteriori informazioni: viva@nonprofitday.it – +39 351 840 0081

 

Ti è piaciuto? Cosa ne pensi? Faccelo sapere nei commenti. Rispondiamo sempre.

SmakNews_Smart_Marketing_logo_SResta aggiornato sulle nostre pubblicazioni e sulle ultime novità dal mondo del marketing e della comunicazione.

Qui, se vuoi, puoi consultare la nostra Privacy Policy

image_pdfimage_print

LEAVE A REPLY

Login with:
Powered by Sociable!