Compie 60 anni la caramella su bastoncino più famosa del mondo: l’irresistibile CHUPA CHUPS.

Noi lo omaggiamo con 5 curiosità che non sapevate.

1708100_cc_produktrange_1

1) UNA STORIA GOLOSA

Chupa Chups nacque a Barcellona nel 1958 dall’intuizione di un pasticcere spagnolo, Enric Bernat, erede di tre generazioni di pasticceri. Fino alla fine degli annicinquanta le caramelle avevano forme e colori differenti ed ibambini erano soliti non solo masticarle, ma anche portarle fuori dalla bocca, toccarle, rimetterle in tasca per poi continuare a mangiarle dopo. Bernat si concentrò su come non far sporcare i bambini e disperare le mamme e sentì l’esigenza di realizzare una caramella da non toccare con le mani, quindi, la progettò su di un bastoncino, prima di legno poi di plastica. Intuizione, quindi, ma anche veri e propri colpi di genio.

chupa_chups_logo-svg

2) IL LOGO ARTISTICO

Dapprima il nome del lecca lecca era Gol, poi non ebbe fortuna e si trasformò in “Chups”, dalla parolaspagnola Chupar cioè Succhiare. Il termine “Chupa”, si aggiunse dopo e andò a precedere la parola “Chups”, grazie alla notorietà acquisita dal jingle pubblicitario, che diceva “Prendi un dolcetto e lecca, lecca, lecca come un Chups. È tondo e dura tanto, lecca, lecca, lecca un chups!”.

Per la creazione del logo, invece, Bernat ebbe l’onore di essere amico del grande artista spagnolo Salvador Dalì, che in un’ora disegnò la celebre margherita giallasu un foglietto, durante un pranzo di lavoro.

1815795_orig

3) UN PIACERE TRICOLORE

Il 2006 segnò un passaggio importantissimo nell’ambito dirigenziale, pur mantenendo infatti le officine in Spagna, la proprietà passò nelle mani del gruppo Perfetti Van Melle, gruppo italiano leader nella produzione e distribuzione di confetteria, caramelle e gomma da masticare. Ha assunto l’attuale denominazione nel 2001 dopo che la Perfetti acquisì la maggioranza azionaria dell’olandese Van Melle. Nel 2006 ha, appunto, acquistato per 440 milioni di euro il marchio Chupa Chups, diventando il terzo gruppo al mondo nel settore, dopo Mondelez International e Mars Inc.

pinterest-chupa-3

4) GUSTI MONDIALI

La marcia in più: gusti che possono piacere anche agli adulti, come Salty Lemon, Daiquiri, Pop-corn, Espresso e gusti speciali, che esistono solo in determinati Paesi come il  “Dulce de Leche” in Messico, l’uva negli Stati Uniti e il Tè Verde, Tè al Limone e Tè alla Menta in Cina.

chupa-chups-mega-tin-1000-lollipops-1

5) CARAMELLA POP

Tantissimi sono i personaggi famosi che, prestando la loro immagine, hanno permesso al brand di diventare il simbolo pop indiscusso degli ultimi decenni: le Spice Girl, Madonna, Naomi Campbell, Britney Spears, Giorgio Armani e molti altri.

chupa-chups-fila-1024x464

Ma Chupa Chups, si è capito, non è solo un lecca lecca. Il marchio deve il suo successo anche ad un’infinita serie di gadget e complementi d’arredo, sempre alla moda e dai colori sgargianti: portachiavi, piumoni, oggettistica da ufficio, cosmetici, candele, contenitori, maglie, scarpe e molto altro, in una spirale di entusiasmo e creatività che non sembra volersi fermare, non a caso il motto “Forever Fun”, slogan dell’immaginario collettivo di intere generazioni.

image_pdfimage_print

LEAVE A REPLY

Login with:
Powered by Sociable!